Europei allievi atletica – altre 6 medaglie nell’ultima giornata

Pubblicato il autore: Michele D. Segui
Alessandro-Sibilio

Alessandro Sibilio è oro nei 400 ostacoli

Dopo le due medaglie dalle ragazze di ieri, oggi è stato il turno dei ragazzi a tenere alto il tricolore e portare a casa quattro medaglie, a cui si aggiungono altre due medaglie al femminile. Fanno 8 medaglie in tutto a questo europeo allievi, di cui 3 d’oro.

Il più felice è senz’altro Alessandro Sibilio, che vince i 400 ostacoli con il nuovo primato allievi di 51.46, eguagliato.
La gara è caratterizzata da una splendida rimonta del ragazzo di Napoli, che inseguiva il recordman europeo Aleix Porras, spagnolo, di diversi metri prima di scatenarsi in una straordinaria rimonta che si è concretizzata proprio sulla linea del traguardo.
Avevo il video della gara di Mori nel 1999 in testa mentre correvo verso il traguardo in rimonta. Ok, lo spagnolo Porras ha fatto il record europeo under 18, ma la finale è un’altra storia e si vince anche con la testa. Con l’argento del mio compagno di liceo Andrea Romani, possiamo dirlo forte: siamo la classe più medagliata d’Italia!”. 

E si, proprio il suo compagno di liceo Andrea Romani è un ‘altro dei medagliati:insieme portano all’oro la steffetta mista, che parte dai 100 per arrivare ai 400, con 1:52.78, insieme a Paissan e Marchei . Lo stesso Romani torna a casa con una splendida medaglia d’argento negli 800 in una gara con podio per 2/3 azzurro, complice il bronzo di Simone Barontini, leader stagionale in europa di categoria della specialità. I due azzurri rimontano negli ultimi metri soffiando la seconda piazza all’irlandese McGrath, ma non riescono a prendere l’inglese Mills, che vince in 1:48.82: per i nostri 1:49.58 e 1:49.78 rispettivamente.
“All’inizio tra la stanchezza dei turni precedenti e un po’ di tensione le gambe non giravano proprio -dice Romani -. Mi sono ritrovato un po’ rinchiuso dagli avversari finchè negli ultimi 100 metri non ho visto davanti a me la maglia azzurra di Simone che mi ha dato la sprint per caricarmi e andare a lottare in volata per una medaglia. Grazie alla mia famiglia, al mio coach e una dedica speciale alla mia ragazza Marta (Zenoni, ndr)”. “Alla fine – dice Barontini – è uscito fuori quasi un derby tra me e Andrea. Siamo due italiani sul podio ed è questo quello che conta anche se sull’ultimo rettilineo ho dovuto tirar fuori l’anima per non farmi scappare la medaglia. La dedica? Sono di Ancona e non posso non farla a Gianmarco Tamberi, forza Gimbo!”.

Terza medaglia individuale arriva dal triplo, dove Andrea Dallavalle lotta ma si deve arrendere al francese Lemou: per lui comunque due ottimi personali, 15.72 prima e poi 15.74

Le medaglie per le ragazze arrivano dalla staffetta mista, dove Maestrini, Dosso, Simonelli e Tiso arrivano terze, e dall’attesa Carolina Visca nel giavellotto, 59.10 alle spalle della norvegese Duraes, col record europeo allievi di 60.89

Va vicina alla medaglia la giovanissima Martina Tozzi, che nei 1500 mostra grande combattività nella gara vinta dalla svizzera Sclabas, e coglie un quarto posto con il personale di 4:29.97.

  •   
  •  
  •  
  •