Le dichiarazioni di Jacobs e Tamberi dopo la premiazione

Pubblicato il autore: Andrea Rao Segui

Le dichiarazioni

Le dichiarazioni di Jacobs e Tamberi tradiscono tutta la loro emozione, provata durante la premiazione. Ieri, grazie a loro, l’atletica leggera italiana è entrata nella storia: Jacobs ha battuto il record olimpico di Bolt  nei 100 metri, mentre Tamberi ha vinto la medaglia d’oro nel salto in alto. Una giornata da incorniciare, che ha commosso i due atleti, inondati da messaggi di affetto sui social.

Le dichiarazioni di Jacobs

Jacobs è apparso visibilmente commosso durante la cerimonia di premiazione. Gioa tradita dalle parole rese ai giornalisti, e riportate da Sportmediaset, dopo la consegna della medaglia: “Ora mi rendo conto di quello che ho fatto, di quanto pesa questa medaglia e di quanto sia bello. Sono qua grazie alla mia famiglia, alla mia mamma, alla mia compagna, ai miei figli, a chi mi ha allentato, a tutto quelli che mi sono stati vicino. Adesso dovremo essere bravi io e il mio allenatore a gestire il momento. Ma ora ringrazio l’Italia che mi ha sostenuto e ha gioito con me”.

Gianmarco Tamberi: “In queste competizioni è il cuore a fare la differenza”

Giorno memorabile anche Gianmarco Tamberi, che ha vinto l’oro a Tokyo nella specialità del salto in alto. Gradino più alto del podio, condiviso con il qatariota Mutaz Barshim, giunto a pari merito. Queste le sue dichiarazioni ai giornalisti dopo la premiazione: “Come ci ha detto qualche giorno fa un grande campione come Gregorio Paltrinieri, in queste competizioni non conta il fisico, è il cuore a fare la differenza. Il momento dell’inno con la bandiera tricolore che sale è stato da brividi. Ho inseguito così tanto questa medaglia, sono stati cinque anni difficili, perchè non ho mai accettato i piccoli traguardi. Volevo un giorno come ieri per essere più felice di tutti: è stato ieri, è oggi, e lo sarà per sempre perchè rimane per sempre”.

 

  •   
  •  
  •  
  •