NBA: gesto folle di Richardson, getta una scarpa contro il proprio pubblico, espulso contro LeBron (VIDEO)

Pubblicato il autore: Pietro Pesce Segui

ORLANDO, FL – OCTOBER 17: Aaron Gordon #00 of the Orlando Magic drives against Josh Richardson #0 of the Miami Heat during the game at Amway Center on October 17, 2018 in Orlando, Florida. NOTE TO USER: User expressly acknowledges and agrees that, by downloading and or using this photograph, User is consenting to the terms and conditions of the Getty Images License Agreement. (Photo by Sam Greenwood/Getty Images)

Josh Richardson ruba la scena per qualche minuto al protagonista di serata, LeBron James. Il playmaker dei Miami Heat getta una scarpa contro il proprio pubblico.
Giocare contro il miglior giocatore in circolazione, LeBron James, soprattutto se fa una prestazione da 51 punti, deve essere frustrante. La dimostrazione l’ha data questa notte Josh Richardson dei Miami Heat. Dopo un presunto fallo non fischiato su di lui, Richardson perde le staffe e inveisce contro gli arbitri. Il suo coach Spolestra decide cosi di richiamarlo in panchina, per cercare di far calmare il suo giocatore, ma è qui che la situazione degenera: getta per tre volte la propria scarpa per terra e successivamente contro il proprio pubblico.

Gesto notato dagli arbitri, i quali hanno provveduto istantaneamente al suo allontanamento dal campo. Questa reazione molto probabilmente gli costerà una multa salata, o addirittura una squalifica.
Al termine della partita ha dichiarato alla stampa statunitense: “Non voglio parlarne , è stata una serie sfortunata di eventi che mi hanno fatto perdere la testa. Non mi va di pensarci, devo andare avanti e so che non deve più accadere”.

Il suo allenatore Spolestra critica a metà il gesto del suo playmaker: “Quanto ha fatto Josh è sicuramente inaccettabile, però posso anche capire la sua frustrazione…dalla panchina si è visto bene il contatto con il giocatore avversario, sembrava proprio un contatto non regolamentare. Questa è la dimostrazione che l’eccesso di competitività può venir fuori”. Allo storico coach di Miami, dopo il “fallo” su Richardson è stato fischiato un fallo tecnico, che ha definitivamente chiuso la partita, dato che gli Heat inseguivano già i Lakers di 13 punti.
Inoltre Spolestra, oltre ad elogiare il suo ex top player LeBron, che insieme a Chris Bosh e Dwayne Wade hanno portato lui e Miami alla vittoria del titolo nel 2013, spende belle parole per il suo nuovo allenatore: “Walton é la persona adatta per allenare James”.
Il giocatore di Miami ha attirato su di sé le attenzioni, che fino a quel momento erano tutte su LeBron James, autore di una prestazione mostruosa: 51 punti, 8 rimbalzi e 3 assist, suo season high. Il punteggio finale è di 113 a 97 in favore dei californiani. A Miami non bastano i 19 punti di Ellington e i 17 proprio di Richardson.
Los Angeles sale in settima posizione nella Western Conference. Per “Il King” è la prima vittoria a Miami da quando ha lasciato la Florida per ritornare in Ohio, nella sua Cleveland.
Miami( 6 vittorie e 10 sconfitte)  sprofonda in classifica, ora si trova al decimo posto della Eastern Conference, allontanandosi sempre di più dalla zona playoff. Per il tam della Florida è il secondo peggior record degli ultimi 12 anni.

Ecco il video completo dell’accaduto:
https://youtu.be/X3vg_Us98FU

  •   
  •  
  •  
  •