Final Eight Coppa Italia, troppa Crema per l’outsider Moncalieri

Pubblicato il autore: Massimo Maglietta Segui

Crema-Moncalieri è stato l’atto conclusivo della Final Eight di Coppa Italia, una manifestazione ben riuscita e che, a detta del presidente della Lega Basket Femminile Massimo Protani, la migliore organizzata insieme ad una società.
Gli addetti ai lavori davano per scontata la vittoria di Crema vista la maggiore esperienza rispetto a Moncalieri. Con le piemontesi, non bisogna mai dare nulla per scontato. Ne sa qualcosa Costa Masnaga sconfitta in semifinale.

Crema ha voluto mettere le cose in chiaro già dal primo quarto conclusosi sul punteggio di 23 a 17. Nel secondo quarto il vantaggio delle lombarde aumenta  fino ad arrivare al 43-31 con il quale le due squadre vanno all’intervallo lungo.  Moncalieri però è un osso duro. Le piemontesi non si lasciano abbattere e ritornano in partita sul -2 48-46.  L’impresa sembra fattibile, ma Crema ha un arma in più, Francesca Melchiori guardia classe 1993. Grazie ai suoi punti la squadra lombarda prova lo strappo forse decisivo.  Le avversarie provano a rientrare nuovamente ma l’esperienza delle giocatrici cremasche fa la differenza, soprattutto negli ultimi minuti della gara. Il punteggio finale dice Crema 86 Moncalieri 75.  La Melchiori a fine partita è stata anche premiata con il titolo di MVP della finale.

Crema bissa il successo dello scorso anno aggiudicandosi anche la Coppa Italia 2019 a Campobasso

Crema vince per la seconda volta consecutiva la Coppa Italia di serie A2 basket femminile. Fin dalla prima partita ha fatto capire  di essere lei la squadra da battere. Ne ha fatto le spese Palermo battuta con il punteggio di 75-61. In semifinale è stato il turno di Faenza uscita sconfitta per 76-59.  Diciamo che Crema non ha dovuto faticare più tanto per raggiungere l’atto conclusivo della manifestazione.  Fino all’edizione 2020 della Coppa Italia di A2 è lei la squadra detentrice del trofeo.  Se qualcuna vorrà scalzarla dal trono il prossimo anno dovrà lavorare con maggiore intensità.

Vedendo con chi si è battuta in finale Crema, aumentano i rimpianti non solo della Magnolia Campobasso, società che ha ospitato la Coppa Italia  ma anche di Costa Masnaga sconfitta in semifinale. Per le campobassane allenate da Mimmo Sabatelli e le lombarde di coach Gabriele Pirola ci sarà la possibilità di rifarsi nell’edizione 2020.  Ora il prossimo appuntamento per la Magnolia Campobasso e Costa Masnaga sono i playoff per la promozione in A1. Rulli e Chiavarella, le due punte di diamante delle due formazioni, spingeranno le loro compagne di squadra a dare il massimo per raggiungere il sogno della massima serie.

  •   
  •  
  •  
  •