Basket serie A2 girone Est: una Pompea distratta si fa beffare all’ultimo dalla capolista Ravenna

Pubblicato il autore: Francesco Grandi Segui

Alla Grana Padano Arena succede di tutto nel finale, Ravenna espugna Mantova con un finale pazzesco, ecco la cronaca:

Primo quarto
Partenza fulminea di Mantova con Clarke e Ghersetti che infilano subito due triple, Ravenna risponde con Chiumenti e Thomas, 11 a 4 dopo 4 minuti di match. Ravenna si risveglia nella seconda metà del quarto con Venuto si riporta a -4, 20 a 16 sempre per la Pompea e timeout per coach Finelli che non vuole distrazioni sin dall’inizio. Ci pensano Maspero e Visconti a riportare la Pompea sul +12 dopo qualche momento di difficoltà, finisce il primo periodo sul 28 a 16 per i padroni di casa.

Secondo Quarto
Molti errori nei primi due minuti da parte di entrambe le compagini, punteggio  sul 30 a 18 per la Pompea che per ora, gestisce il vanytaggio senza troppi patemi: ci pensa Treier con due bombe consecutive a riaprire tutto per Ravenna che si riporta sotto a -6, punteggio 30-24 a metà quarto. Rientrano in campo per la Pompea i due americani, bene i giovani Vigori e Sarto che hanno tenuto le sortite offensive dei romagnoli per il momento. Disastro Pompea in questo periodo, solo 2 punti segnati dalla lunetta di Visconti, squadra completamente ferma in attacco: ci pensano Lawson e Clarke con una magia a dare la sveglia alla Pompea che si riporta a + 6 in un lampo, 34 a 28 a 2.34 dall’intervallo lungo. Sempre Clarke e Lawson che danno la linfa vitale a MAntova, per Ravenna risponde presente Marino con una bella tripla, finisce il secondo quarto 39 a 33 per la Pompea.

Terzo quarto
Ravenna parte meglio grazie anche ad un fallo antisportivo commesso da Raspino, 41-37 dopo due minuti di gioco: partita punto a punto con lieve predominio Pompea in questa fase di gioco non molto fluida. Tecnico a Cancellieri per reiterate proteste, partita che si accendeanche fuori dal rettangolo di gioco: ne approfitta Ravenna per riavvicinarsi, 46-42 con una tripla di Marino. Piccolo problema per Mantova coi tiri liberi che non entrano, questo potrebbe essere un problema nell’ultimo periodo per i virgiliani, 11 su 19 dalla lunetta: due palle perse consecutive in attacco per la Pompea, finisce così il quarto con una tripla di Kurkatamm per Ravenna che è perfettamente in partita, 55-52 il punteggio.

Quarto periodo
Il quarto parte con un’altra palla persa della Pompea in attacco, ne approfitta Ravenna con Treier per mettersi ad una sola lunghezza, risponde Ghersetti con un canestro da sotto: si preannuncia una lotta punto a punto in questo finale. Tripla di Ghersetti e timeout per Ravenna sul +4 Mantova a 7.41 dal termine del match: problemi tecnici ad un canestro che resta piegato, pronta la sostituzione dello stesso e partita sospesa per 10 minuti. Si riparte con il match sempre in bilico, Raspino e Maspero guidano la Pompea, 67 a 60 a 4.34 dal termine con i mantovani che hanno già raggiunto il bonus falli di squadra: ancora Maspero assist per Clarke, Pompea avanti +11, 71-60, ma mancano ancora 4 minuti. Thomas e Potts non ci stanno e riportano sotto Ravenna, 71 a 65.
Sempre più in rimonta Ravenna che arriva a 3 punti dalla Pompea, 73-70 e palla in mano: due palle perse sanguinose dai biancorossi stanno rimettendo tutto in discussione.
Thomas sbaglia i due tiri liberi del pareggio, ma l’incredibile succede dopo con Raspino che ha due tiri liberi in mano e li sbaglia ad 1 secondo dal termine, timeout Ravenna: Thomas tira in sospensione da tre e Ravenna sbanca la Grana Padano Arena andando in vantaggio sull’ultimo tiro, 75 a 74 per i romagnoli che rimangono capolista. Davvero incredibile l’epilogo di questa gara.

Pompea Mantova:
Sarto, Colussa, Poggi, Raspino, Visconti, Ferrara, Vigori, Ghersetti, Maspero, Epifani, Clarke, Lawson
Coach: Finelli

Orasì Ravenna:
Farina, Potts, Jurkatamm, Thomas, Chiumenti, Marino, Zanetti, Treier, Venuto, Seck, Sergio, Bravi
Coach: Cancellieri

  •   
  •  
  •  
  •