NBA a porte chiuse? LeBron non ci sta: “Non gioco senza i miei tifosi”

Pubblicato il autore: Francesco Rossi Segui

L’emergenza coronavirus è arrivata anche negli USA e potrebbe colpire anche gli sport più popolari americani. Uno di questi è l’NBA, dove i Lakers di LeBron James stanno dominando la Western Conference. I californiani sono reduci dal successo sui Milwaukee Bucks di Giannis Antetokounmpo, MVP della scorsa stagione e vero rivale di LeBron nel recente All Stars Game. Il match disputato da King James contro Giannis allo Staples Center è stato sublime: 37 punti, 8 rimbalzi e 8 assist. Numeri da MVP.

A fine gara, James è stato intervistato dalla tv americana, la quale gli ha posto una domanda sulla possibilità di giocare i match di NBA a porte chiuse per via dell’emergenza coronavirus. Questa è stata la risposta del fuoriclasse dei Lakers:

Giocare partite senza tifosi sugli spalti? Impossibile. Io non gioco. Ci devono essere i tifosi sugli spalti: io gioco per loro e per i miei compagni, è per questo che esiste lo sport. Se mi presento all’arena e non ci sono i tifosi, io non gioco. Poi facciano quello che devono fare”. 

James è stato dunque molto chiaro e ha bocciato l’eventualità di disputare gare NBA a porte chiuse per via del coronavirus. Sono attese novità circa la decisione degli enti che governano il campionato di basket americano. In caso i tifosi restino fuori, lo farà pure King James.

  •   
  •  
  •  
  •