I giocatori NBA alle prossime olimpiadi: presenti o assenti?

Pubblicato il autore: Francesco Emiliano Segui

Vista l’insolita stagione NBA 2019/2020, che inizierà il 31 Luglio e finirà il 12 Ottobre, non fa altro che compromettere di conseguenza anche la prossima. Difatti l’annata 2020/2021 inizierà addirittura l’1 Dicembre e, se manterranno le consuete 82 gare di regular season, dovrebbe terminare il 26 Maggio. Aggiungiamo anche i due mesi di Playoffs e la fine della stagione si aggirerebbe intorno a metà Luglio. Il prossimo anno, il 23 Luglio, apriranno i battenti le Olimpiadi di Tokyo 2021. Ciò sarebbe un grande problema per le nazionali di basket che non potrebbero portarsi in Asia le proprie stelle NBA, avendo così un mediocre roster di atleti extra-NBA. Si dovrebbe quindi trovare un punto d’incontro tra le due parti, vale a dire la FIBA e l’NBA.

Cosa ne pensa l’NBA?

Nonostante non ci siano ufficialità, conoscendo la gigantesca macchina della National Basketball Association, poco gli importerebbe delle Olimpiadi. Pensando alle colossali perdite (oltre un miliardo di dollari) avutesi in questa stagione a causa dello stop, l’NBA difficilmente farebbe giocare meno partite di regular season, oppure optare ad un primo turno di playoff al meglio delle cinque gare, per far spazio alle olimpiadi. Già partendo dall’Italia, se dovesse superare le qualificazioni preolimpiche, andrebbe in Giappone in assenza di perni quali Danilo Gallinari, Niccolò Melli, Marco Belinelli e presumibilmente anche Nico Mannion.

  •   
  •  
  •  
  •