Serie A2, Eurobasket Roma: per la squadra di coach Pilot una stagione da incorniciare

Pubblicato il autore: Andrea Riva Segui

Eurobasket Roma

La stagione 2020-21 per l‘Eurobasket Roma terminata sabato 12 giugno nella semifinale playoff contro la Bertram Tortona si può tranquillamente definire entusiasmante, considerate le premesse della vigilia dove la maggior parte degli addetti ai lavori non davano troppo credito alla squadra romana di coach Damiano Pilot (classe ’89, il più giovane della Serie A2), alla sua prima vera esperienza da capo allenatore dopo il suo insediamento alla fine di febbraio dello scorso anno al posto dell’esonerato Massimo Maffezzoli, proprio quando il campionato si stava fermando per l’emergenza Coronavirus.

Ricordiamo che al momento dello stop del campionato 2019-20, l’Eurobasket si trovava al penultimo posto insieme a Capo d’Orlando con 14 punti in 24 match, ma la scelta fatta dal club di confermare la scorsa estate l’allenatore romano di Casal Palocco si è rivelata vincente, perchè oltre a portare quell’entusiasmo che serviva, conosceva molto bene l’ambiente, essendo stato responsabile tecnico delle giovanili e assistente alla prima squadra, sia durante la stagione della promozione dalla Serie B, sia nelle annate in Serie A2.

Eurobasket, una stagione da incorniciare

Roster

Nel mercato estivo confermati capitan Fanti, Cepic, Viglianisi e Cicchetti, c’è stato il gradito ritorno di Staffieri, dopo aver disputato la stagione della promozione in Serie A2, e soprattutto l’arrivo del sempre ottimo Olasewere, che nella capitale aveva disputato un campionato nella Virtus Roma. Il roster è stato poi completato con gli acquisti di Gallinat (dai danesi dell’Horsens) Romeo (da Latina), Antonaci (da Matera) Bucarelli e Magro (da Sassari), senza dimenticare i giovanissimi Ludovici e Bischetti (entrambi classe 2002).

Leggi anche:  USA-Australia Basket, streaming gratis e diretta tv RAI 2? Dove vedere Olimpiadi Tokyo 2020

Stagione regolare

Il campionato dell’Eurobasket era partito tra alti e bassi con un’alternanza di vittorie e sconfitte e nelle prime tredici partite il bilancio registrava sette vittorie e sei sconfitte, fino alla svolta di febbraio quando con cinque vittorie consecutive (Cento, Latina, Rieti, Ravenna e Stella Azzurra), Fanti e compagni riuscivano a staccarsi dal gruppetto delle parigrado per issarsi al quarto posto solitario.  Presumibilmente li c’è stato quello step in più, soprattutto dal punto di vista mentale, che ha permesso alla squadra capitolina di capire che potevano lottare per molto di più che una tranquilla salvezza; la sconfitte successiva contro Forlì e quella doppia subito dopo contro Scafati non hanno limato le certezze ormai acquisite e i successi finali contro San Severo e Latina davano la certezza della quarta piazza (28 i punti finali) assolutamente meritata, con la conseguente qualificazione certa ai playoff.

Seconda fase

Nella seconda fase ad orologio nonostante le assenze pesanti di Gallinat e Bucarelli, coach Pilot non si perdeva d’animo e con la sua consueta grinta riusciva con i suoi uomini ad ottenere tre vittorie casalinghe (Treviglio, Milano e Verona) a fronte di tre ko in trasferta che comunque permettevano ai romani di terminare all’undicesimo posto e di incontrare negli ottavi di finale l’Unieuro Forlì guidata da Sandro Dell’Agnello e che aveva finito la stagione regolare al primo posto con 38 punti.

Leggi anche:  USA-Australia Basket, streaming gratis e diretta tv RAI 2? Dove vedere Olimpiadi Tokyo 2020

Playoff

Qui c’è stato il capolavoro dell’Eurobasket che non solo riusciva a vincere la serie, ma lo faceva con un 3-1 difficilmente pensabile alla vigilia contro i più quotati avversari. Una squadra che ha dato tutto nelle quattro gare disputate, dove dal primo all’ultimo sono riusciti a dare quel qualcosa in più alla causa, facendo emozionare gli appassionati romani, che dopo aver perso la Virtus Roma, si sono affezionati sempre più a questa squadra che con un grande senso di appartenenza ha sempre dato il 100%.

Per l’approdo ad un incredibile finale c’era solamente la Bertram Tortona, che nella serie di semifinale però si è rivelata più fredda soprattutto nei momenti topici, perchè nelle tre partite vinte dai piemontesi, due sono avvenute di un punto e una di due punti, questo per far capire il grande equilibrio. I romani, (orfani di Gallinat), sono riusciti a vincere la loro partita con uno scarto di cinque punti dopo un tempo supplementare, e nonostante nella serie sono riusciti a realizzare complessivamente un punto in più, hanno dovuto abdicare proprio sul filo di lana, ma con un pizzico di fortuna e di esperienza in più, la qualificazione all’ultimo atto poteva benissimo starci, visto l’andamento di tutte e quattro le sfide.

Leggi anche:  USA-Australia Basket, streaming gratis e diretta tv RAI 2? Dove vedere Olimpiadi Tokyo 2020

Alla fine di gara 4 nonostante l’eliminazione, il pubblico presente in quel di Ferentino, ha applaudito incessantemente tutti quanti, ringraziando per la grandissima stagione conclusasi e anche il presidente Armando Buonamici è sceso sul parquet per ringraziare i tifosi sempre vicino alla squadra con grande calore e passione.

Il futuro prossimo

Ora bisognerà capire per la prossima stagione quanti e quali giocatori rimarranno, ma sicuramente quelli partenti saranno sostituiti in maniera egregia per confermare quanto di buono fatto vedere quest’anno, senza però dimenticare il problema del Palazzetto, perchè il PalAvenali con il ritorno del pubblico, non è omologabile per la Serie A2. Dunque nelle prossime settimane si dovrà risolvere questo rebus insieme alla Regione Lazio e il Comune di Roma Capitale, per non essere costretti ad andare in esilio per tutta la stagione 2021-22, perchè questa squadra merita assolutamente di giocare a Roma davanti al suo pubblico.

Coach Damiano Pilot ringrazia tutti

Kenneth Viglianisi, il canestro dell’anno

  •   
  •  
  •  
  •