La Staff Mantova conquista un’altra importante vittoria contro l’Acqua San Bernardo Cantù

Pubblicato il autore: Francesco Grandi

Una bellissima partita quella alla Grana Padano Arena tra Staff Mantova e Acqua San Bernardo Cantù vinta dai virgiliani con pieno merito grazie ad una grinta ritrovata che non si vedeva da tempo. Il match è stato per lunghi tratti molto equilibrato, decisivo l’allungo nell’ultimo periodo dei biancorossi che portano a casa 2 punti fondamentali per il proprio campionato.
La partenza è punto a punto, nessuna delle due compagini sembra prendere il largo, ma il ritmo del match è alto ed il livello di agonismo pure: molti sono i falli fischiati, ma il punteggio fi fine quarto è 25-25 con Mantova in palla sia in attacco che in difesa, mentre Cantù si affida ad Allen con li tiro da tre.

Nel secondo periodo la musica è sempre la stessa: grande agonismo, ma pochi canestri con gli Stings che mantengono un ritmo altissimo in difesa e rispondono colpo su colpo a Cantù che sbaglia moltissimo. All’intervallo lungo sono i canturini avanti di un punto, 38 a 37 sui padroni di casa, bene Allen per gli ospiti, per i virgiliani ottime le prestazioni di Iannuzzi e Stojanovic.
La scossa al ritorno sul parquet viene data da Maspero che torna dopo mesi dall’infortunio: una vera e propria bomba adrenalinica per la Staff che aumenta ancora i giri del proprio motore: questo periodo è caratterizzato da moltissimi errori da entrambi i lati, ma è Mantova che piano piano allunga con una tripla di Cortese, un Iannuzzi onnipresente sia in difesa che in attacco. FVinisce 53-47 un quarto che tiene ancora tutto aperto.
Nell’ultimo quarto la Staff Mantovaparte bene con Laganà che prende due bei tiri, Stojanovic è ancora in palla, Maspero guida la squadra come se non giocasse da ieri: massimo vantaggio dei biancorossi +13 a metà periodo con le squadre già in bonus. Scintille tra Iannuzzi e Cusin che sfiorano l’inizio di una rissa prontamente sedata. Cantù non ne ha più per rimontare e Mantova chiude i conti sul 70 a 55.

  •   
  •  
  •  
  •