Garcia dopo l’eliminazione: “Resto fino alla morte”

Pubblicato il autore: Domenico Margiotta

Roma fuori dalla coppa Italia, ai quarti va lo Spezia: Garcia esonerato?

Rudi Garcia di certo non è personaggio solito a nascondersi dopo l’amara e soprattutto inattesa sconfitta ai rigori in Coppa Italia contro lo Spezia all’Olimpico. L’allenatore francese si presenta ai microfoni di Roma Channel, per spiegare quelli che sono, a suo avviso, i motivi della crisi che sta attraversando la Roma: “Ci è mancato un po’ di tutto nel primo tempo. Qualcuno ha perso fiducia, non saltiamo mai l’uomo. Non prendiamo rischi e passiamo il pallone solo lateralmente o indietro. Tocca a noi ritrovare la fiducia, nessuno può aiutarci. Ciò che è accaduto oggi ci deve servire da lezione. Domenica diventa fondamentale vincere, bisogna reagire”. Quindi, il vero problema della squadra giallorossa è per il tecnico di ordine psicologico, non tanto tattico: “Da tre partite non prendiamo gol. Ma ci manca qualcosa, perché facciamo fatica a fare gol. Stasera sarebbe stato normale vincere, invece siamo incappati in un fallimento. Ora dobbiamo avere orgoglio, restare in piedi nella tempesta. Quello che ho visto oggi proprio non va”.

Ora il tecnico è in una situazione difficile, e la dirigenza romana sta pensando davvero al da farsi, visto che dopo la pausa invernale, ci saranno gare fondamentali per il prosieguo del progetto Roma, sia in campionato che in Champions League: “Dobbiamo cogliere le occasioni quando si presentano, ritrovare lo spirito dei lupi che avevamo fino al derby, sfondare la porta quando tiriamo. Domani parlerò ai giocatori e forse li ascolterò anche, nonostante non ci siano alibi per questa sconfitta. A Napoli abbiamo fatto un’ottima partita, lì sembravamo consapevoli di essere una grande squadra e di potercela giocare alla pari coi top team. Oggi, invece, se lo Spezia ha preso fiducia è stata solo colpa nostra. Non ci sono alibi, non si può uscire contro una squadra di Serie B, ma io non mollo mai e spingerò la squadra fino alla morte se serve”. La società continua a ribadire che non c’è alcun ischio di esonero per il tecnico francese, non oggi almeno. La Roma tutta proverà a ripartire dalla gara di domenica con il Genoa.

Leggi anche:  Serie D, dove vedere Catania-San Luca streaming GRATIS e diretta TV Telecolor

A Roma Channel ha parlato anche Morgan De Sanctis: “Abbiamo faticato come ultimamente ci capita a creare un gioco offensivo dinamico e brillante che potesse mettere in difficoltà l’avversario, se consideriamo le ultime prestazioni è vero che con il Bate Borisov il pareggio poteva essere utile, e abbiamo anche creato qualcosina, a Napoli abbiamo creato pochissimo, oggi abbiamo confermato di esserci difesi bene, ma continuiamo a non essere brillanti, a non metterli in difficoltà. Considerando i valori, con tutto il rispetto per lo Spezia, forse avremmo dovuto fare qualcosina in più. Anzi, non qualcosina, molto di più. È evidente che dobbiamo metterci tutti qualcosa, non limitarci al compitino, ma sforzarci per raggiungere i risultati”. Parole amare quelle del portiere giallorosso, che evidenzia come da dopo il derby, cosi come ha detto precedentemente Garcia, la squadra non abbia più trovato quella brillantezza di inizio stagione che aveva contraddistinto la strada romana. Siamo ora a metà stagione e, con la sosta natalizia alle porte, molte saranno le decisioni da prendere in casa giallorossa: sui giocatori, sul possibile mercato di rinforzo, la doppia sfida in Champions League conto il Real Madrid e tanto altro.

  •   
  •  
  •  
  •