Mondiale di calcio femminile: superare l’Olanda per scrivere la storia

Pubblicato il autore: Nazzareno Minniti Segui

Domani a Valenciennes l’Italia avrà la possibilità di conquistare per la prima volta la semifinale del Mondiale.
Diciannove anni dopo la straordinaria vittoria sugli olandesi firmata Francesco Totti – che mise a sedere con un “cucchiaio” Edwin van der Sar e trascinò gli Azzurri alla finale di un campionato europeo – Italia e Olanda si ritrovano da avversarie una una sfida al femminile che vale un altro pezzo di storia del calcio. Se le Azzurre dovessero vincere conquisterebbero, infatti, per la prima volta una semifinale mondiale, raggiungendo un traguardo decisamente inimmaginabile alla vigilia e che aprirebbe quasi sicuramente anche le porte ai Giochi Olimpici di Tokyo, cui accederanno le tre migliori nazionali europee.
Sarà ancora una volta lo ‘Stade du Hainaut’ di Valenciennes, già teatro delle gare del girone con Australia e Brasile e tutto esaurito per l’occasione (in tribuna sono attesi il presidente FIFA Infantino, il presidente della FIGC Gravina e il dg Brunelli), ad ospitare domani alle ore 15:00 il Quarto di finale tra l’Italia di Milena Bertolini e l’Olanda di Sarina Wiegman, un match che per le agenzie di scommesse vede favorite le campionesse d’Europa in carica, ottave nel ranking FIFA e sempre vittoriose in Francia: ai successi nel girone con Nuova Zelanda (1-0), Camerun (3-1) e Canada (2-1), ha fatto seguito il 2-1 sul Giappone nell’Ottavo di finale deciso da una doppietta di Lieke Martens, in dubbio per la gara di domani.
L’attaccante del Barcellona è una delle stelle della nazionale olandese insieme a Vivianne Miedema, che nel novembre 2014 a Verona realizzò i due gol che costarono all’Italia il pass per il Mondiale canadese: “Servirà la partita perfetta – avverte in conferenza stampa Milena Bertolini – dovremo sbagliare il meno possibile, saper soffrire, essere pragmatiche e alzare il livello di concentrazione. L’Olanda, indipendentemente dalla presenza o meno di Martens, ha tutte giocatrici forti. Ho sempre fiducia in queste ragazze, che stanno dimostrando un grande valore. Sono consapevole che incontriamo un’avversaria molto forte, ma direi che è normale visto che siamo ai Quarti di un mondiale“.
A valenciennes domani la temperatura sarà altissima, e non solo quella climatica che prevede oltre 30 gradi. L’atmosfera bollente sarà caratterizzata dalla presenza della solita invasione di tifosi olandesi: “E’ un pò strano che questa partita si giochi alle tre del pomeriggio – il pensiero della CT – per una questione di buon senso sarebbe stato più giusto farla disputare alle nove di sera. Il caldo si farà sentire per entrambe le squadre, dispiace soprattutto perché ne andrà un pò a scapito dello spettacolo. Sugli spalti ci saranno tante italiane e italiani, loro saranno in superiorità, ma è normale: hanno più di 100mila tesserate e hanno vinto un Europeo creando un forte attaccamento nei confronti della nazionale. Credo che saremo in minoranza, ma come sempre ci faremo sentire. Sapere che tante persone ci guardano mette un pò di pressione, è vero, ma è di grande aiuto per le ragazze e credo le renda ancora più orgogliose di quello che stanno facendo“.
Dopo la giornata di riposo concessa ieri, oggi la squadra ha svolto un allenamento di rifinitura nel corso del quale le Azzurre hanno provato anche i calci di rigore: “Le ragazze hanno avuto una giornata completa di libertà per ricaricarsi fisicamente e mentalmente: sono stanche, ma ho uno staff molto preparato e competente che da due mesi sta lavorando per cercare di fare in modo che le ragazze possano stare bene e recuperare al meglio“.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Eriksen si allena in Danimarca e l'amico Kjaer si opera al ginocchio