Calciomercato Atalanta: Kulusevski, Inter e l’anello chiamato Politano

Pubblicato il autore: Filippo Davide Di Santo Segui

CALCIOMERCATO ATALANTA: APERITIVO PRIMA DELLE PORTATE DI GENNAIO – Voci, trattative, ipotesi, domande, offerte e strette di mano: questa è l’estrema sintesi di quello che è il calciomercato di gennaio. Un contesto dove le squadre cercheranno di potenziare o sistemare la propria rosa per cercare di raggiungere gli obbiettivi stagionali. L’Atalanta si trova in una situazione da “Dea” tra campionato (tra le prime sei), Champions League (agli ottavi) e bilancio societario ed economico (più di 75 milioni di incassi tra Coppa dei Campioni e risparmi estivi), ma è al centro di un caso che si muoverà verso l’inizio del calciomercato: il capitolo Kulusevski con l’Inter. Non perdiamoci in chiacchiere e analizziamo la situazione al dettaglio.

CALCIOMERCATO ATALANTA: LA SITUAZIONE ATTUALE

CALCIOMERCATO ATALANTA, UN PREDESTINATO CHE FA GOLA A TUTTI (PURE ALLA PROPRIETARIA DEL CARTELLINO) – Chi almeno una volta ha seguito le vicende del settore giovaline orobico, sa perfettamente che tipo di giocatore è Kulusevski: classe 2000, tanta qualità offensiva e talento da vendere. Dopo le tre presenze fatte l’anno scorso con l’Atalanta viene mandato in prestito a Parma per fargli fare esperienza, e i risultati sono stati impressionanti: 16 presenze per un totale di 4 goal stagionali. Certo, in quel di Zingonia si sapeva che era un predestinato, ma nessuno si sarebbe mai aspettato tale esplosione. Quella stessa esplosione che ha portato il numero 44 crociato all’interno di un contesto chiamato calciomercato.

INTER IN POLE, ALL’ESTERO GUARDANO, L’ATALANTA ASPETTA E MEDITA – Su Kulusevski si sono mobilitati club di spessore come l’Inter, ma anche all’estero lo svedese non è passato inosservato. L’Atalanta ovviamente, tenendo presente anche di quelle che sono le ambizioni del calciatore, è intenzionata a meditare su quale strada sia meglio imboccare per il ragazzo: trattenerlo almeno un anno per l’esplosione definitiva vendendolo ad un prezzo molto alto, oppure venderlo in cambio sia di soldi che di eventuali contropartite. Anche in un contesto come può essere quello del calciomercato, la palla è rotonda e può accadere di tutto, ma operazioni così delicate come questa vanno accurate in ogni minimo dettaglio, ed è proprio da queste basi che nasce l’incontro tra la dirigenza interista e l’Atalanta di Percassi (come riportato da Sky Sport).

PREZZI, RIFLESSIONI E L’ANELLO POLITANO: STAREMO A VEDERE – L’incontro di ieri sera tra le due dirigenze è servito principalmente per buttare le prime basi per gennaio: il giocatore piace all’Inter; l’Atalanta evidenzia il prezzo del cartellino. Sono ben 35 i milioni di euro che la società milanese dovrà sborsare per uno dei giocatori più talentuosi del vivaio atalantino. Tralasciando il Parma nella quale sembra garantita la possibilità che il ragazzo rimanga in Emilia fino alla fine della stagione indipendentemente dalla sua futura destinazione, si cominciano a lanciare le prime ipotesi sia abbassando i prezzi che inserendo qualche contropartita che in una piazza come Bergamo farebbe gola: Matteo Politano è un’ala che piace tantissimo alla Dea, semplicemente il prototipo di calciatore idoneo per la squadra di Gian Piero Gasperini sotto tutti i punti di vista, ma il problema sono sia i 25 milioni di cartellino che lo stipendio. Ovviamente la situazione tenderà ad evolversi nelle prossime settimane dove può accadere di tutto: con la consapevolezza che l’Atalanta cercherà di concludere nella maniera migliore possibile (sia in termini economici che di risultati).

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: