Salah-Cristiano Ronaldo, duello da Pallone d’Oro a Kiev: il Liverpool fermerà il Real Madrid?

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

(Photo by Tony Marshall/Getty Images)

Salah-Ronaldo, sfida stellare a Kiev. La finale di Champions League tra Liverpool e Real Madrid vivrà sopratutto sul duello tra Mohammed Salah e Cristiano Ronaldo. Lo sfidante egiziano contro il campione portoghese. 26 anni l’uno, 33 l’altro e anche un bel po’ di trofei vinti di differenza. Salah è attualmente in testa alla classifica della Scarpa d’Oro e in caso di vittoria a Kiev potrebbe ambire al Pallone d’Oro. E’ chiaro che nell’anno del mondiale il vincitore dipenderà molto da quello che accadrà in Russia. Cristiano Ronaldo, con il Portogallo, ha più possibilità di andare avanti rispetto all’Egitto. Ma in una manifestazione come i Mondiali tutto può accadere. Nell’ultima rassegna iridata, in Brasile nel 2014, una piccola nazione come il Costa Rica ha sfiorato le semifinali. Nazionali blasonate come Italia e Inghilterra sono andate subito fuori.

Leggi anche:  Borussia Dortmund-Lazio: probabili formazioni, orario, luogo e precedenti

Salah e Ronaldo si sono già incrociati in amichevole. Portogallo-Egitto è finita per 2-1, con i due protagonisti a segno. L’ex romanista ha portato in vantaggio i suoi, poi il fenomeno portoghese ha capovolto le sorti del match con una doppietta nei minuti finali. A Kiev ci sarà anche un poi di cabala dalla parte del Liverpool. Il Real Madrid infatti non perde una finale di Champions League dal 1981. Guarda caso l’avversario erano proprio i Reds. Salah dunque proverà a spezzare l’egemonia di Ronaldo che dura da tre anni in Europa. Una sfida stellare che potrebbe decretare a anche il vincitore del Pallone d’Oro 2018. Mondiali permettendo.

Salah, il Liverpool torna in finale dopo 11 anni

Una squadra che in Europa ha avuto sempre una grande tradizione. Il Liverpool torna in finale di Champions League a 11 anni di distanza dall’ultima volta. 23 maggio 2007, ad Atene c’era stata l’ultima presenze dei Red all’atto finale della Coppa dalle grandi orecchie. Fu una finale amara per gli inglesi, che vennero sconfitti per 2-1 dal Milan di Carlo Ancelotti. In questa stagione Jurgen Klopp ha tirato fuori il meglio dai giocatori a sua disposizione. Il Liverpool è il miglior attacco della Champions League, avendo segnato 40 gol in 12 partite. Una potenza di fuoco che ha in Salah il suo cannoniere principe.

Leggi anche:  Champions League 2020/21, le probabili formazioni della quinta giornata e statistiche

L’egiziano si è calato al meglio nella realtà inglese. Salah si integra alla perfezione con Manè e Firmino, con i quali forma forse oggi il miglior attacco d’Europa. Il Liverpool ha balbettato in difesa contro la Roma. Sei gol subiti sono davvero una tanti per una squadra che deve fronteggiare Cristiano Ronaldo e compagni. Lovren-Van Dijk, con Karius in porta, non rappresentano il top in fase difensiva in Europa. Klopp dovrà studiare bene le contromosse per arginare i tanti talenti a disposizione di Zidane. La finale di Kiev conferma che per arrivare in fondo in Champions League si deve esprimere un calcio tecnico e offensivo. Senza dimenticare l’equilibrio che ogni squadra di calcio deve necessariamente avere. Real Madrid-Liverpool sarà una partita con lo spettacolo assicurato. Uno spettacolo che potrebbe essere ancora più godibile con il VAR. Ma i vertici Uefa non sembrano inclini a mettersi al passo con i tempi. Chissà che la sperimentazione al Mondiale non faccia cambiare idea a Ceferin, Collina e soci. Sarebbe arrivato davvero l’ora.

Leggi anche:  Conferenza stampa Borussia Mönchengladbach Inter: le parole di Conte e Ranocchia

Salah-Ronaldo, ecco come è finito il primo duello:

  •   
  •  
  •  
  •