Cristiano Ronaldo, Toni: “E’ un giocatore normale”

Pubblicato il autore: Mario Nuvoletto Segui


Non è certamente l’inizio che ci si aspettava dalla Juventus e Cristiano Ronaldo. È tempo di tirare le somme in casa bianconera, perché se inizialmente nella partita di semifinale contro il Milan c’erano dubbi sulla tenuta fisica dei giocatori guidati da Sarri, nella finale contro il Napoli quei dubbi si sono trasformati in certezze, portando la Juventus a perdere la seconda coppa stagionale sotto la guida del tecnico ex Chelsea e Napoli. Quella della Juventus e Cristiano Ronaldo è stata una sconfitta amara e sotto tono, che certamente porterà ripercussioni sull’intera squadra. Il problema principale che emerge dalle due partite giocate è che CR7 è in difficoltà, non riesce a riprendersi dallo stop di tre mesi causato dal Covid-19. Lo stesso portoghese ha ammesso di essere indietro nella condizione fisica e di avere qualche problema psicologico che non lo fa stare tranquillo e non gli permette di saltare l’uomo ed essere il vero CR7.

Leggi anche:  Pagelle Inter - Juventus 2-0 : centrocampo dominante, Juve troppe insufficienze gravi.

Luca Toni e il problema Cristiano Ronaldo

Subito dopo la finale di mercoledì, l’ex campione del mondo nel 2006 Luca Toni ha commentato in particolar modo la partita fatta da CR7 sottolineando che “sembrava un giocatore normale in un gioco così lento. Da lui ti aspetti la giocata, ma era in difficoltà soprattutto dal punto di vista fisico. Salvo Buffon, è stato il migliore. Poi a me piace molto Douglas Costa ma Sarri lo fa giocare solo 60 minuti. Lui e Cuadrado sono gli unici in grado di saltare l’uomo perché in questo momento Ronaldo fa fatica a saltare l’uomosentenzia Toni.
Lo sappiamo, perdere non piace a nessuno, figuriamoci se parliamo di Cristiano Ronaldo, sicuramente il più deluso della finale contro il Napoli. All’asso portoghese non era mai capitato di perdere due finali di fila, dopo che ne ha giocate 31. Ora cerca di risollevare se stesso e la Juventus nel modo che più conosce, ovvero allenandosi ancora di più e tornare alla condizione fisica giusta per affrontare questo finale di stagione.

  •   
  •  
  •  
  •