Serie C, Fidelis Andria-Catanzaro 2-1. Calabresi a centro classifica

Pubblicato il autore: Paola Tolomeo Segui

Si era preannunciata una partita a duri colpi e così è stato. Finisce 2-1 la sfida tra Fidelis Andria-Catanzaro. Per la squadra padrona di casa è un risultato importante per credere ancora in una salvezza senza il passaggio dai playout.  Sale così a 27 punti e si piazza davanti al Fondi e all’Akragas.
La Fidelis Andria dà prova di determinazione. Incalza sopratutto nel primo tempo mentre nel secondo, dopo il vantaggio, pensa a difendersi.
Il Catanzaro si mantiene timido nella prima parte del match, quasi mai pericoloso. Nel secondo tempo mostra la sua carica ma inizia il suo vero gioco quando forse è troppo tardi.
Rimane così nella sua “sala d’attesa” con i 31 punti che lo stagnano nella zona neutrale.

FIDELIS ANDRIA – CATANZARO, LA PARTITA – Dal fischio d’inizio parte spedita la Fidelis Andria. La sua voglia di vittoria si percepisce già dai primi minuti, soprattutto dal 7′ quando si avvicina al goal. L’azione la fa Croce che con il destro colpisce il pallone che però si infrange sulla traversa.
La Fidelis comanda mentre il Catanzaro rimane schiacciato nella propria zona e non riesce a sbloccarsi.
Insisti e persisti, l’Andria ce la fa. Il primo goal arriva al 25′. Lattanzio si fa strada, supera Riggio e vince su Nordi. Forse serviva il goal perché il Catanzaro ricevesse la scossa giusta. Non passa infatti molto tempo che arriva il pareggio. Al 28′ il goal viene realizzato a partire da un’azione di calcio d’angolo. A trovarsi al posto giusto è Gambaretti che con il destro spiazza Maurantonio.
Il goal del pareggio è servito e da questo momento il Catanzaro comincia a farsi sentire.
Al 39′ ci prova Marin ma il suo tiro si blocca tra i piedi del difensore avversario.
Finisce il primo tempo ma i 15 minuti di intervallo sono lunghi perché il gioco è ancora da decidere.
Inizia il secondo tempo e Pancaro cambia l’assetto della squadra: escono Riggio e Cunzi ed entrano Di Nunzio e Letizia. Ma la ripresa non è come ce la si aspettava. Entrambe le squadre sono poco incisive e rendono il match lento, a tratti, noioso. La svolta si fa attendere e arriva al 55′. Il calcio di punizione battuto da Matera viene trasformato in un tiro pericoloso da Quinto che si libera e colpisce di testa,  Nordi è pronto ma lo sarà solo la prima volta. E’ infatti sulla respinta che Quinto colpisce di nuovo di testa ed ora è goal.
La partita è così decisa anche se Pancaro continua a cercare la svolta ricreando la squadra in gioco.
Infantino cerca il pareggio con una girata di destro ma non concretizza.
Il Catanzaro tiene la palla, attacca a più non posso ma la Fidelis si ritira in difesa e da qui non si passa.
I 5 minuti di recupero non cambiano le sorti del match che si conclude quindi con la vittoria della Fidelis Andria.

IL PROSSIMO APPUNTAMENTO – Per il Catanzaro sarà breve la preparazione per il match di mercoledì contro il Virtus Francavilla, previsto per le ore 14:30 presso lo stadio “Nicola Ceravolo”. La Fidelis Andria giocherà invece di giovedì. L’appuntamento è presso lo stadio “Ettore Giardiniero” alle ore 20:30 contro il Lecce.

  •   
  •  
  •  
  •