Juventus Rincon: è davvero l’acquisto giusto?

Pubblicato il autore: elia guerra

GENOA, ITALY - MARCH 13: Tomas Rincon of Genoa CFC in action during the Serie A match between Genoa CFC and Torino FC at Stadio Luigi Ferraris on March 13, 2016 in Genoa, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

Nonostante la sessione invernale di calciomercato debba ancora aprire i battenti, molte squadre nostrane – su tutte Juventus e Milan – sono già all’opera in campo internazionale per apportare nuovi innesti che donino maggior qualità alle rispettive rose. I rossoneri, da tempo, stanno eseguendo operazioni di scouting per scovare il degno sostituto di Riccardo Montolivo, infortunatosi al crociato lo scorso 4 ottobre; i 007 bianconeri, invece, vogliono affidare nelle mani di Massimiliano Allegri un centrocampista di elevato spessore che possa donare maggior turnover ai compagni e, soprattutto, più tecnica al reparto, apparso più volte in difficoltà, in particolar modo in Champions League. I nomi sul taccuino dell’amministratore delegato Giuseppe Marotta sono molti, a partire dal tanto seguito Axel Witsel, ma nelle ultime settimane ha preso piede l’ipotesi di un clamoroso scambio tra la Juventus e il Genoa: sul piatto del baratto sono finiti Tomas Rincon ed Hernanes.

JUVENTUS RINCON – Le due società avranno modo di incontrarsi per parlare dell’eventuale trattativa proprio domenica 27 novembre alle ore 15.oo, quando al ‘Marassi’ andrà in scena la gara tra i padroni di casa e i bianconeri, scontro valevole per la 14esima giornata di Serie A. Il possibile scambio, però, ha turbato gli animi di parecchi sostenitori della Juventus, che si sono chiesti se davvero valga la pena cedere Hernanes – ovvero un calciatore dotato di buona tecnica, visione di gioco e un ottimo piede – per il 28enne Rincon, centrocampista fisico e privo di esperienza in ambito internazionale. Infatti le ultime uscite della ‘Vecchia Signora’ hanno evidenziato come, nella zona nevralgica del campo, non manchi tanto la parte fisica ed atletica bensì gli inserimenti delle mezzale in aria di rigore, maggior fraseggio per mandare in porta gli attaccanti e favorire le avanzate degli esterni, cose che al momento Pjanic non è ancora riuscito a fare con intensità e Kedhira con costanza. Il venezuelano, dunque, non farebbe proprio al caso della Juventus: le sue caratteristiche, infatti, lo rendono più un centrocampista di contenimento, abile nel favorire le ripartenze ma soprattutto in fase di copertura e non-possesso, vista la prestanza fisica ed atletica. Con il suo arrivo in mediana Allegri potrebbe spostare Marchisio più avanti, cosa che, però, può già fare schierando Hernanes, dimostratosi più volte all’altezza di prendere in mano le redini del centrocampo bianconero.

Leggi anche:  L'Inter riscatta il centrocampista: ecco il prezzo

DahoudCALCIOMERCATO JUVENTUS, ALTRI OBBIETTIVI – In attesa, quindi, di sviluppi e novità dall’asse Torino-Genoa, la Juventus continua a seguire con particolare interesse gli altri nomi sui taccuini di Marotta e Paratici. Il nome più caldo, come già detto, è quello di Axel Witsel, schierabile sia in mediana sia alle spalle degli attaccanti. Quello del belga è davvero il profilo più ideale per la compagine di Allegri, vista soprattutto la sua grande esperienza in ambito internazionale ed il suo buon feeeling per il gol. Nelle ultime ore, però, sta prendendo sempre più piede la pista Mahmoud Dahoud, tedesco classe 1996 di origini egiziane in forza al Borussia Mönchengladbach. Il 20enne è in scadenza di contratto con il club nel 2018 ma non sembra intenzionato a rinnovare, potendo così lasciare i Fohlenfan già a gennaio. Le alternative al tedesco sono i francesi N’Zonzi del Siviglia e Tolisso del Lione, ma per entrambi l’elevato costo del cartellino(30 milioni circa) potrebbe complicare l’operazione; inoltre per gli ultimi tre calciatori conterà moltissimo il passaggio o meno nel girone di Champions. I calciatori, infatti, che militeranno in squadre qualificate agli Ottavi della competizione europea sono praticamente da escludere; al meno per il mercato invernale.

  •   
  •  
  •  
  •