Serie A, Immobile e Belotti i migliori affari 2016-17

Pubblicato il autore: Daniele Martignetti Segui


A meno di un mese dalla fine del campionato di Serie A, è tempo di iniziare a farci due conti in tasca per l’estate che verrà. Già, perché se è vero che il primato della campionato potrebbe, matematicamente, ancora essere aperto, è altrettanto veritiero che le società stiano pensando a talune mosse nella prossima sessione di calciomercato in relazione ai rendimenti avuti finora dai loro giocatori.

Aggiornata alla prima settimana settimana di aprile, la classifica dei capocannonieri recita:
1) Belotti, 23 (reti)
2) Dzeko, 23
3) Mertens, 20
4) Icardi, 20
5) Higuain, 19
6) Immobile, 18

Ovviamente la suddetta classifica non tiene in considerazione dei fattori di assoluta rilevanza per il bilancio economico delle società e così noi di Super News siamo andati a spulciare tra scartoffie e conti – in molti casi – da capogiro.

Leggi anche:  Coppa Italia, dove vedere Atalanta-Lazio in streaming e diretta tv

Gonzalo Higuain, passato a sorpresa dal Napoli alla Juventus per 94,7 milioni di euro, ha un ingaggio di 7,5milioni annui; Edin Dzeko, dopo la prima annata altalenante a seguito del trasferimento per 4 milioni + 11 di riscatto esercitato, è stipendiato per 4,5 milioni di euro.
Decisamente diverse le situazioni per il granata Andrea Belotti che, dopo la prima stagione (ex Palermo) in chiaroscuro, sta dimostrando tutto il suo spessore con ben 23 reti, e per il laziale Ciro Immobile il quale ha all’attivo 18 gol. Anche le loro cifre sono decisamente inferiori a quelle dei centravanti di Juventus e Roma: Belotti, 23 reti, acquistato dal Palermo nel 2015 per 7,5 milioni, guadagna 1,6 milioni + bonus, Immobile invece, acquistato nel 2016 dal Siviglia per 8,5 milioni + 0,5 legati all’eventuale ingresso in Europa della Lazio, ha gonfiato la rete già 18 volte e incassa 2 milioni annui.

Leggi anche:  Tabellone Calciomercato Serie A, acquisti e cessioni: tutti i colpi della sessione invernale 2021

Osservando meglio le cifre della Serie A nonché il tempo trascorso affinché le società potessero bearsi dei gol dei rispettivi cannonieri, deduciamo che Immobile sia stato, senza molte ombre di dubbio, il miglior affare dell’ultima sessione di calciomercato; Lotito e la sua Lazio, difatti, hanno immediatamente beneficiato dei gol del campano e, con uno stipendio di due milioni e un costo di trasferimento di “appena” 8,5, è decisamente migliore dell’argentino Higuain distante in classifica soltanto una rete. Ragionamento simile in favore di Belotti. Acquistato nel 2015, il Torino ha atteso un anno le sue giocate sublimi ma, considerato il costo di trasferimento di poco inferiore a quello di Immobile e il suo ingaggio di 1,5 milioni, è stato un chiaro affare per il Torino.

  •   
  •  
  •  
  •