Calciomercato Roma, Dzeko-Chelsea è fatta: il giocatore accetta i londinesi

Pubblicato il autore: Gabriele Tufano Segui

Roma logo

La trattativa è giunta al termine, dopo un tira e molla senza fine, il giocatore si è convinto: Dzeko si trasferirà al Chelsea insieme al suo compagno di squadra Emerson Palmieri. Come riportato da Calciomercato.com il calciatore ha dato l’ok al trasferimento e le cifre dell’operazione sembrerebbero confermate: 50 milioni di euro più 10 di bonus. Decisiva è stata una telefonata di Antonio Conte che avrebbe convinto il calciatore, nonché il club che si è detto disposto ad offrirgli una somma prossima ai 7 milioni di euro annui. Un’ottima entrata per la società giallorossa che così avrà modo di risanare un bilancio particolarmente ballerino da qualche anno a questa parte. Adesso partirà la caccia al sostituto.

Chelsea-Dzeko: momentaneo ripensamento dei Blues

Prima dell’assenso al trasferimento del bosniaco, c’era stato un colpo di scena nella trattativa Chelsea-Roma. I Blues non sembravano più così convinti di acquistare il giocatore giallorosso per via dello stipendio percepito dallo stesso, considerato troppo alto vista l’età del giocatore (a marzo compirà 32 anni). Non solo, anche la cifra richiesta dalla Roma (30 milioni più 5 di bonus) sembrava non convincere il Chelsea che, nel caso non si fosse chiusa la trattativa con i giallorossi per Dzeko, aveva già pronta l’alternativa: Marko Arnautovic, attaccante di 28 anni attualmente in forza al West Ham.

Le indiscrezioni della mattinata sulla trattativa Dzeko-Chelsea

In mattinata Sky Sport aveva annunciato novità importanti circa la trattativa tra Roma e Chelsea per il duo Dzeko-Emerson Palmieri. Da quanto è stato riportato, già nelle scorse ore le due operazioni viaggiavano separatamente: infatti mentre per il terzino italo-brasiliano la trattativa è chiusa da tempo (il giocatore ha dato il suo ok, e il suo entourage ha raggiunto l’accordo con i Blues per un contratto di 4 anni a 2,5 milioni di euro a stagione), per l’attaccante bosniaco i club stanno ancora discutendo i dettagli.

Già questa mattina si vociferava che in caso di chiusura dell’operazione, il costo sarebbe stato di circa 50 milioni di euro più 10 di bonus: senza dubbio un’entrata importante per la Roma, costretta a fare i conti da anni ormai con il Fair Play Finanziario. In caso di esito positivo, poi, i giallorossi porterebbero a casa l’ennesima plusvalenza (ricordiamo che Emerson Palmieri è costato alla Roma solo 2 milioni di euro, versati nelle casse del Santos; mentre Dzeko è stato acquistato nelll’estate del 2015 dal Man. City per 15 milioni).

Roma: Dzeko deluso dalla società giallorossa

Di questa trattativa l’attaccante bosniaco è rimasto sorpreso, non si aspettava di dover lasciare la Roma; lui e la sua famiglia, infatti, hanno da poco acquistato casa in città e sembrano trovarsi davvero bene nell’ambiente romano. Non che Londra non gli vada a genio, però ci sono diversi fattori che lasciano restio Dzeko ad accettare l’offerta del Chelsea: l’impossibilità di non giocare la Champions per esempio (essendo già sceso in campo con la Roma in questa competizione); oppure la non certezza di giocare titolare, dal momento che tra i Blues c’è un certo Morata che sembrerebbe essersi adattato al meglio al gioco inglese. Insomma Dzeko in queste ore si vede quasi cacciato via da una società che senza scrupoli è disposta a vendere qualsiasi giocatore pur di far quadrare i conti in rosso. Non sarebbero mancati gli sfoghi con gli amici da parte del bosniaco che, nonostante un rapporto con i tifosi non sempre roseo, si trovava bene nella società giallorossa.

Un’avventura breve ma intensa, caratterizzata da quegli eccessi che da sempre hanno contraddistinto l’ambiente romano: deriso e sottoposto a sfottò il primo anno (ricordiamo il divertente “Edin Cieco“) per i suoi clamorosi errori sotto porta; elogiato e diventato idolo dei tifosi durante la sua seconda stagione in giallorosso, quando è riuscito a conquistare il titolo di capocannoniere della Serie A con 29 reti (39 stagionali). Quest’anno, poi, Dzeko sarebbe diventato nuovamente un brocco quando, dopo un inizio di stagione sorprendente contraddistinto da 7 reti in 7 match, si è spento a partire dal match successivo a quello giocato proprio contro il Chelsea a metà Ottobre, mettendo a segno appena 2 reti in 2 mesi. Una storia, dunque, quella tra Dzeko e la Roma che potrebbe finire nel modo meno opportuno.

  •   
  •  
  •  
  •