Mercato Roma: Dzeko ha detto si al Chelsea. I Blues arrivano a 60 milioni con Emerson

Pubblicato il autore: Samuele Zagagnoni Segui

Roma logo

Probabilmente i tifosi giallorossi non saranno affatto felici di quanto sta avvenendo in queste ore sull’asse Roma – Londra. Il club guidato da James Pallotta e il Chelsea, allenato da Antonio Conte, dove aver trattato per l’intera giornata il trasferimento del terzino sinistro Emerson Palmieri, arrivando ormai ai dettagli, sono ritornati a parlare anche di Edin Dzeko.

L’allenatore dei blues, infatti, avendo ancora negli occhi la splendida doppietta che il bosniaco ha siglato quest’anno in Champions alla sua squadra, avrebbe scelto l’attaccante come profilo ideale per rafforzare il suo reparto offensivo.
Secondo quanto riportato da gianlucadimarzio.com le trattative per i due giocatori non sarebbero affatto separate. Al contrario, i due club  starebbero  continuando a discutere per concludere un’unica grande operazione.
La richiesta della Roma, per entrambi i giocatori, sarebbe scesa a 60 milioni  di euro (50 di parte fissa e 10 di bonus). Il club londinese, dal canto suo, avrebbe manifestato l’intenzione di accontentare la stessa. In particolare, nell’ambito della citata operazione, l’attaccante bosniaco sarebbe stato valutato  dai due club 30 milioni più 5 di bonus. Ad  Emerson, invece, sarebbe stato attribuito un valore di 20 milioni più 5 di bonus.

Dunque, a seguito di un’incessante contrattazione, le parti si sono notevolmente avvicinate rispetto alla giornata di ieri in cui si era palesata una distanza di 15 milioni sulle rispettive valutazioni attribuite ai giocatori dai due club. Infatti,  il direttore sportivo Monchi aveva assegnato come soglia per la conclusione dell’affare 65 milioni. Di converso, il Chelsea era arrivato ad offrire 50 milioni più il prestito dell’attaccante belga, classe 1993,  Batshuayi.
Oggi, come sopra evidenziato, i due club, sembrerebbero molto vicini. In questo modo la Roma metterebbe a segno una doppia plusvalenza che si rileverebbe vitale per risanare le casse che, mai come quest’anno, appaiono vuote.Ciò nonostante, il direttore sportivo Monchi  non sembrerebbe più interessato ad inserire nella trattativa  Batshuayi . Probabilmente, oltre ad un’avversione sulla formula del semplice prestito, la Roma preferirebbe puntare, nel ruolo di prima punta, sul giovane Patrick Schick .In ogni caso l’attaccante bosniaco, a marzo trentaduenne, ha già detto si al Chelsea dando la sua completa disponibilità al trasferimento, ben conscio di trovarsi di fronte la concorrenza di un giocatore come Alvaro Morato (in estate pagato dal club londinese ben 80 milioni). Anche per il terzino brasiliano c’è un accordo totale sul contratto: 2,5 milioni a stagione per quattro anni sono stati più che sufficienti  per convincerlo.Per la conclusione dell’affare, quindi, mancano solamente dei dettagli. Le due squadre impiegheranno i prossimi giorni per discutere sulle modalità di pagamento e l’entità della parte variabile legata ai bonus.

Tanto precisato, non è da trascurare l’opinabile periodo temporale in cui si sta portando avanti questa operazione. La Roma domani sera sfiderà a San Siro l‘Inter per una partita determinante nella lotta per un posto in Champions League, rischia di avere a disposizione il suo miglior marcatore (che ha siglato un terzo dei goal messi a segno dalla squadra quest’anno in campionato) distratto dalla trattativa. Sulla base di questi presupposti non è da escludere che il mister Eusebio Di Francesco, anche per preservare il buon esito della stessa da eventuali infortuni, decida di non impiegarlo.

  •   
  •  
  •  
  •