Mercato Roma: Verdi e Cristante, i giallorossi insidiano Juve e Inter

Pubblicato il autore: Andrea Medda Segui

Mercato Roma
Mercato Roma
in fermento. Entrano nel vivo parecchie trattative. Non solo due cessioni illustri che sembrano imminenti, con Dzeko e Emerson Palmieri prossimi ad indossare la casacca del Chelsea, ma anche operazioni in entrata se non per gennaio sicuramente per giugno.

Monchi e la Roma lavorano senza sosta per programmare la squadra per la prossima stagione. La sorprendente trattativa in dirittura d’arrivo con i Blues ha stravolto in parte le idee dei giallorossi che non si aspettavano un’offerta così importante per l’attaccante bosniaco e il terzino 23enne, circa 50 milioni più bonus. Inoltre resta da capire se sarà anche inserito o meno in questa operazione, come contropartita, Batshuayi nonostante la Roma sia piuttosto fredda circa questa ipotesi. Le prossime ore saranno decisive per il buon esito di questa trattativa e per quelle future: si continua a lavorare per trovare l’accordo totale ma sembra solo una questione di limare alcuni dettagli e il Mercato Roma potrebbe finalmente decollare.

Mercato Roma: Verdi e Cristante obiettivi per giugno?

Con il tesoretto da 50 milioni che i giallorossi riceveranno dal Chelsea di Conte per Dzeko e Palmieri, la Roma può tuffarsi nel mercato con una certa forza e sicurezza. Monchi dovrà trovare almeno due pedine importanti da regalare ad Eusebio Di Francesco. I nomi più caldi sono quelli di Verdi e Cristante, due giovani che si stanno mettendo in mostra nelle ultime stagioni. L’attaccante, ora in forza al Bologna, dopo il no al Napoli ha deciso che si muoverà dal capoluogo emiliano solo a giugno. Per Bryan Cristante il discorso è più complicato in quanto sul centrocampista di proprietà del Benfica, che verrà però riscattato dall’Atalanta, è forte l’interesse di Juventus e Inter ma la Roma potrà contare su una disponibilità economica importante che potrebbe mancare alle due rivali. La valutazione complessiva per le due trattative dovrebbe ammontare a circa 40 milioni.

  •   
  •  
  •  
  •