Raiola categorico: “Il mercato invernale è da eliminare”

Pubblicato il autore: Yuri Lo Stuto Segui


Non è necessario descrivere la figura di Mino Raiola, il più noto degli agenti di calciomercato e procuratore di tanti calciatori importanti, da Pogba a Balotelli, passando per Ibrahimovic, Lukaku e tanti altri. Nella giornata di ieri, ha affermato che secondo lui “il mercato invernale di gennaio sarebbe da abolire, dato che si tratta di una finestra in cui tutti vogliono comprare giocatori importanti, ma nessuno li vuole cedere. Sarebbe da limitare solo a quelle squadre che hanno espressamente bisogno di essere aiutate nel caso in cui si verificassero infortuni pesanti. Il Fair Play Finanziario dettato dall’UEFA ha falsato tutto ed è complice dell’influenzamento a livello di mercato per quanto riguarda il trasferimento dei calciatori. La mia idea è quella di ridurre di due settimane il calciomercato estivo, e di abolire quello invernale, dato che non serve.”

Questo è il pensiero di Mino Raiola, che corrisponde anche a quello di gran parte dei tifosi che ritengono non necessario la finestra invernale di calciomercato. Per quanto riguarda la Serie A, solamente l’Inter è stata particolarmente attiva, mentre le altre squadre hanno sondato giocatori senza affondare il colpo, oppure non sono state in grado di acquistare. Comunque è anche giusto porre dei limiti sul regolamento, dato che in Serie B si assiste ogni anno ad una rivoluzione di tutte le società iscritte al campionato, sfalsando di fatto i meccanismi che erano stati studiati sul terreno di gioco fino a quel momento. Il torneo cadetto inizia con le squadre composte da giocatori, per poi terminare la stagione con calciatori completamente diversi e ciò, tranne in alcuni casi, non fa piacere agli allenatori, che si sono abituati poco a poco solamente ad altri uomini che vengono mandati in campo.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Fiorentina, all-in su Piatek per gennaio