La Premier League anticipa tutti: svolta storica nel calciomercato

Pubblicato il autore: Diletta Barilla Segui

La Premier League conferma la sua posizione di “vantaggio” sul resto del mondo calcistico. Approvata la rivoluzione per il calciomercato: adesso è ufficiale, chiuderà prima dell’inizio della nuova stagione

Svolta storica in Premier League. Sarà l’Inghilterra – e il suo massimo campionato – ad essere pioniera della rivoluzione, tanto agognata, riguardante la chiusura anticipata della sessione estiva di calciomercato.

Due mesi interi dove le società potranno dedicarsi ai trasferimenti con l’inizio dei lavori previsto per il 9 giugno ed il triplice fischio finale che scatterà due mesi più tardi, il 9 agosto, alle ore 17. Poco più di 20 giorni in meno a disposizione dei club di Premier League per chiudere le trattative.

Non ci saranno più possibilità per i tecnici di lamentarsi delle voci di mercato che possono condizionare il lavoro e l’applicazione dei giocatori nelle prime giornate della stagione. Ma questo, certamente, agli allenatori non mancherà.

Leggi anche:  Isco-Inter, il padre-agente: "C'è la volontà"

Sono state infatti tutte le “proteste” a far sì che la Football Association prendesse in seria considerazione la questione. La decisione è stata accolta con parere favorevole da parte di tutti i club e riguarderà sia il massimo campionato che le leghe minori.

Se per il mercato in entrata non ci sarà più spazio di manovra dopo la data di fine lavori, non si può dire lo stesso per i trasferimenti in uscita. In quest’ultimo caso infatti sarà possibile ancora agire nel rispetto però della data di chiusura del mercato del paese della squadra acquirente.

Una bella rivoluzione che per il momento però riguarderà solo l’Inghilterra ma che presto potrebbe essere sperimentata anche da altri campionati e federazioni in Europa.

E, magari, il prossimo paese ad optare per questa soluzione potrebbe essere proprio l’Italia – già all’avanguardia nell’inserimento della tecnologia in campo – e con tanti allenatori, Allegri e Sarri su tutti, che spingerebbero volentieri la Serie A verso questa direzione.

  •   
  •  
  •  
  •