Mercato Roma, retroscena su El Shaarawy: Napoli e Siviglia volevano acquistarlo

Pubblicato il autore: Gabriele Tufano Segui

Si è da poco concluso il calciomercato, ma nonostante ciò continuano senza sosta le indiscrezioni legate allo stesso. Tra queste, come dichiarato dallo stesso ds della Roma, Monchi, c’è quella di Stephan El Shaarawy. Lo spagnolo, durante la conferenza stampa di presentazione dell’unico acquisto giallorosso (Jonathan Silva, terzino sinistro proveniente dallo Sporting Lisbona) ha confessato: “A due giorni dalla chiusura del mercato, abbiamo rifiutato una grossa offerta per Stephan El Shaarawy“. Sarebbe stata una perdita importante per la Roma perchè, senza dubbio agevolato dal metodo di gioco prediletto da Di Francesco, il ragazzo sembra aver ritrovato lo smalto di un tempo. Infatti durante questa stagione El Shaarawy ha collezionato ben 19 presenze in campionato (14 da titolare), condite da 5 gol e 5 assist; 6 (3 dal 1′ e altrettante da subentrato), invece, sono state le presenze in Champions League, dove si è reso protagonista di 2 gol (la splendida doppietta al Chelsea) e 1 assist.

Leggi anche:  News mercato Fiorentina, l'esperto di mercato Paganini: "Duello Piatek-Milik per l'attacco"

Le parole di Monchi sono state confermate da Calciomercato.it che, a differenza di quanto fatto dal ds della Roma, ha specificato quali fossero le squadre interessate ad El Shaarawy, ovvero: Napoli e Siviglia. Entrambi i club avrebbero offerto alla Roma una cifra prossima ai 20 milioni di euro e al giocatore un ingaggio fotocopia rispetto a quello attualmente percepito (3 milioni di euro a stagione). Secondo quanto riportato, sarebbe stato lo stesso El Shaarawy a bloccare in partenza la trattativa, sia perchè da entrambe le squadre non gli veniva offerto un contratto più allettante di quello che attualmente lo lega alla Roma, sia perchè nel caso avesse deciso di andare al Napoli, oltre a dover risolvere la questione legata ai diritti di immagine particolarmente complessa, avrebbe rischiato di fare molta panchina vista l’elevata concorrenza tra gli azzurri.

  •   
  •  
  •  
  •