Donnarumma, la paura di Raiola: se non ci fossero acquirenti per Gigio?

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
during the Serie A match between AC Milan and Spal at Stadio Giuseppe Meazza on September 20, 2017 in Milan, Italy.

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

Donnarumma, nervosismo Raiola. La spavalderia ha lasciato spazio al timore. Mino Raiola non perde occasione per provocare il Milan per quanto riguarda il versante Donnarumma. “Mi auguro che Reina sia il portiere titolare del Milan, il prossimo anno”, una profezia o una paura? L’ineffabile Mino forse non sta seguendo bene il suo pupillo. Donnarumma non sta certamente giocando una stagione memorabile. Gli errori sono pari, se non superiori, alle prodezze. Gigio non sta confermando l’elevato livello di prestazioni della scorsa stagione. Questo anche perché il Milan subisce meno tiri in porta rispetto all’anno scorso. I rossoneri con Gattuso hanno trovato una buona solidità difensiva, non così Donnarumma. L’errore con l’Arsenal è stato pesante, forse decisivo per le sorti del match. Il classe ’99 ha perso quella sfrontatezza vista negli anni scorsi. Donnarumma sente la pressione di dover dimostrare il suo valore, per confermare di essere l’erede di Buffon. 

Leggi anche:  Milenkovic Fiorentina, sarà addio: rifiutato il rinnovo, avanza l'ipotesi Milan

Non è un caso che Di Biagio ha scelto di affidarsi ancora al 40enne portiere della Juventus, invece di puntare subito su Donnarumma. Il Milan intanto si è premunito con l’arrivo di Reina. Oltre al portiere spagnolo ci sarà il rientro a Milanello del giovane Plizzari. Una coppia che potrebbe essere quella buona per la stagione 2018-2019 per la porta del Milan. Donnarumma sarebbe in grado di subire la pressione di un vice ingombrante come Reina e un talento emergente come Plizzari? Raiola continua a picconare, ma oggi è facile a bocce ferme. Quando il mercato sarà aperto ci sarà bisogno di pagare moneta per vedere cammello.

Donnarumma, Raiola cerca acquirenti. Ma ci sono davvero?

Donnarumma, quale futuro per Gigio? Il Milan oggi, ma domani non si sa. I rossoneri, nonostante le tante chiacchiere societarie, vanno avanti per la loro strada. Gattuso lavora giorno dopo giorno, così come Fassone e Mirabelli. Il diesse rossonero ha messo già due colpi per la prossima stagione: Strinic e Reina. Un terzo è in dirittura d’arrivo, si tratta del centrocampista coreano Ki. Le parole di Raiola non hanno suscitato nessuna reazione immediata in via Aldo Rossi.

Leggi anche:  Torreira Torino, Vagnati tenta un nuovo assalto all'uruguagio: l'Atletico Madrid può lasciarlo andare

Sul versante Donnarumma i rossoneri hanno le idee chiare. Il ragazzo non è in vendita, poi se chiederà di andarsene dovrà partire alle cifre indicate dal Milan. Gigio ha un ricco contratto fino al 2021. Quale squadra europea è in grado di spendere 70-80 milioni di euro per il portiere classe ’99? Si sa che i club stranieri spendano e spandano preferibilmente per gli attaccanti. Basti pensare che il Real Madrid ha in porta Keylor Navas, così come il Psg ha Areola. Portieri non certo di prima fascia. Questi due club sembrano poter essere la futura destinazione di Donnarumma. Ma Florentino Perez e Al Khelaifi vorranno spendere tanti soldi per un portiere con zero presenze in Champions League? Evidentemente Raiola ha già qualcosa in mano, per esporsi così tanto. La speranza è che il supermanager campano faccia il bene del suo assistito. Cosa che non ha fatto per Balotelli e Pogba. Due talenti che potevano e dovevano essere gestiti molto meglio. Il Milan è tranquillo, Raiola un po’ meno. In mezzo c’è Donnarumma, alla fine farà quello che vorrà. Come chiunque nel calcio di oggi. Basta che lo faccia senza rimpianti. Nessun rimpianto.

  •   
  •  
  •  
  •