Juventus, idea Papastathopoulos per la difesa. Marchetti possibile vice Szczesny

Pubblicato il autore: Emmanuele Sorrentino Segui
TURIN, ITALY - SEPTEMBER 23: Paulo Exequiel Dybala (2L) of Juventus celebrates after scoring the 4-0 goal during the Serie A match between Juventus and Torino FC on September 23, 2017 in Turin, Italy. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images )

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

Juventus, stavolta bisogna davvero voltare pagina: le tre sberle subite contro il Real Madrid nell’andata dei quarti di finale di Champions League impongono giocoforza un’importante riflessione in casa bianconera. La dirigenza del presidente Andrea Agnelli, mai come quest’anno, aveva puntato con tutte le forze, fisiche ed economiche, per la conquista della coppa “dalle grandi orecchie”, che manca all’ombra della Mole dalla lontana stagione 1995/96.
Il predominio delle spagnole nella massima competizione continentale è sotto gli occhi di tutti: già di per sé il Real Madrid è riuscito ad incamerare la bellezza di tre Champions nel giro di quattro annate, con la restante appannaggio assoluto del Barcellona nel 2014/15. A rendere ulteriormente amara la situazione in casa bianconera è stata la seconda finale persa negli ultimi tre anni, ma soprattutto la quasi certezza di non potersi rifare nell’attuale stagione, considerato che al Santiago Bernabeu nel match di ritorno contro il madrileni servirà un’autentica impresa, uno scenario a dir poco apocalittico, specie se gioco contro un “marziano” di nome Cristiano Ronaldo.

La drammaticità della situazione è sotto gli occhi di tutti: Buffon ce l’ha messa tutta ma poco ha potuto sull’onda travolgente dei blancos, la rimodulata BBC sembra non convincere più, ora a prescindere dalla cessione di Bonucci. Barzagli e Chiellini cominciano a faticare, soprattutto nelle sortite offensive di squadre che rendono il gioco sempre più veloce. Con la certezza dell’addio del portierone bianconero al termine della stagione, una difesa che per anni è stato il punto di forza della Vecchia Signora, in particolar modo in ambito nazionale, ora da ricostruire e puntellare, la dirigenza juventina sarà chiamata ad intervenire sul mercato per porre le basi sulla squadra che verrà, con un pizzico di esperienza e una dose di astuzia in più, per mettere seriamente le mani su quella tanto agognata Champions.

Parte la rifondazione della Juventus per la prossima stagione

Il primo tassello per la nuova stagione della Juventus verrà impiegato per trovare un vice al futuro portiere titolare, ossia Wojciech Szczesny: tra i nomi che ruotano nell’orbita bianconera ci sono Federico Marchetti, opzione low cost considerato che potrebbe arrivare a parametro zero, ma al contempo dotato di una discreta esperienza internazionale, passando poi per i giovanissimi Meret o Consigli, fino a Mirante ed Audero.
Altro reparto da sistemare è la difesa: Caldara e Spinazzola sono in procinto di vestire la maglia della Juventus, ma accanto a giovani di assoluto rispetto bisognerà affiancare profili di calibro internazionale che da anni masticano l’Europa. Tra questi si parla di Sokratis Papastathopoulos, centrale greco in forza al Borussia Dortmund, tra l’altro in scadenza di contratto nel prossimo 2019. Già nella passata stagione, il duo Marotta – Paratici aveva inseguito il calciatore ellenico, salvo poi ritirarsi: stavolta si farà sul serio, anche perché sarà necessario fare scelte oculate. Chi potrebbe uscire da questo vortice in difesa sarebbe proprio Rugani, il quale, alla luce dei nomi che circolerebbero nelle ultime ore, potrebbe effettivamente trovare meno spazio persino di quanto trovato nell’attuale stagione.

Un ultimo passaggio riguarderà gli esterni: Lichtsteiner ed Asamoah sono già da tempo fuori dagli obiettivi della Juventus, ora bisognerà trovare alcuni degni sostituiti sempre di calibro internazionale. Piace molto Matteo Darmian, che sarebbe in uscita dal Manchester United: tuttavia su di lui c’è in corso una concorrenza spietata, considerato che avrebbe molti estimatori soprattutto in Italia. La Vecchia Signora, se è capace di presentare un’offerta sostanziosa al club inglese, potrebbe accaparrarsi le prestazioni del giovane azzurro.
Un tesoretto pronto da essere investito sull’ex Torino è sicuramente quello che potrebbe fruttare da una possibile cessione di Alex Sandro: in questo caso, a fronte di un’offerta irrinunciabile, potrebbe lasciar partire il brasiliano, che avrebbe tra Manchester United e Paris Saint-Germain alcune possibili destinazioni.

  •   
  •  
  •  
  •