Ancelotti al Napoli, ci siamo. Sarri, licenziato di fatto da De Laurentiis, rifiuta lo Zenit

Pubblicato il autore: Anna Rosaria Iovino Segui
during the pre-season friendly match between SSC Napoli and OGC Nice at Stadio San Paolo on August 7, 2016 in Naples, Italy.

Aurelio De Laurentiis – Foto professionale Getty Images© selezionata da SuperNews

Il vero colpo di mercato potrebbe farlo il Napoli, Carlo Ancelotti è sempre più vicino. Ieri, l’ex allenatore del Milan e De Laurentiis si sono incontrati a Roma per gettare le basi di un’intesa che potrebbe essere formalizzata a breve.

Nei giorni passati abbiamo assistito al botta e risposta tra il presidente del Napoli e Sarri, per la decisione del futuro della panchina degli azzurri. I tifosi hanno sostenuto e spinto il tecnico a rimanere. De Laurentiis, a sua volta, si è portato avanti, spinto anche dall’indecisione di Sarri, che non ha dato risposta nei tempi previsti. Al momento, l’ex allenatore dell’Empoli è sotto contratto fino a giugno del 2020, con un ingaggio da 1 milione e mezzo a stagione ma il Napoli potrebbe liberarsi di Sarri semplicemente pagando una penale di 500 mila euro per poi affondare con ulteriore decisione su Ancelotti.

Intanto, il tecnico toscano ha ricevuto un’offerta dallo Zenit, liberatosi di Mancini, nuovo allenatore dell’Italia, ma non sembra essere convinto di accettare. Molto probabilmente ha già rifiutato, sperando di poter rimanere a Napoli o di ricevere un’offerta più vantaggiosa e stimolante. Anche il Chelsea è fortemente interessato a Sarri, prima scelta in caso di esonero di Antonio Conte. Insomma, una situazione in continua evoluzione ma che non toglie sostanza alla decisione di De Laurentiis che, di fatto, ha licenziato Sarri nonostante l’ottima annata appena trascorsa e il record di punti ottenuto in Serie A.

 

  •   
  •  
  •  
  •