Calciomercato, da Lozano a Mina: le otto idee per il mercato dai Mondiali 2018

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui
MOSCOW, RUSSIA - JUNE 17: Hirving Lozano of Mexico celebrates with team mates of Mexico after scoring his team's first goal during the 2018 FIFA World Cup Russia group F match between Germany and Mexico at Luzhniki Stadium on June 17, 2018 in Moscow, Russia. (Photo by Clive Rose/Getty Images)

Foto originale Getty Images© selezionata da SuperNews

Calciomercato, idee mondiali da Russia 2018. La fase a gironi del campionato del mondo si è conclusa, delle 32 squadre di partenza ne sono rimaste 16. Tanti giocatori sono andati a casa, molti sono rimasti e hanno sfruttato l’occasione per mettersi in mostra. Nel primo match era partito dalla panchina poi a ha conquistato una maglia da titolare a suon di gol. Artem Dzyuba, 30 anni ad agosto, di proprietà dello Zenit San Pietroburgo. 194 cm di potenza e buon fiuto per il gol. Un carattere non facile, ma in poco tempo è diventato un beniamino per i tifosi russi . I suoi gol hanno trascinato i padroni di casa agli ottavi e hanno rilanciato la sua immagine un po’ sbiadita. Il Marocco è andato a casa, ma non per colpa sua. Roman Saiss, 28enne difensore centrale del Wolverhampton ha dimostrato di essere un difensore affidabile. Un giocatore che potrebbe meritare palcoscenici migliori e che nella prossima stagione si misurerà in Premier League con i neo-promossi Wolves.

Leggi anche:  Milenkovic Fiorentina, sarà addio: rifiutato il rinnovo, avanza l'ipotesi Milan

Calciomercato, idea peruviana per la fascia. Anche il Perù è andato a casa, ma lui si è tolto la soddisfazione di segnare un gol ai Mondiali 2018. André Carrillo, 27 anni esterno offensivo del Perù è piaciuto molto per la sua corsa e la tecnica messa in mostra in Russia. Tanto che l’ala del Watford ha ricevuto i complimenti di Russel Crowe, per il gol realizzato contro l’Australia. Paese di origine del Gladiatore per eccellenza. Qualche anno fa era stato investito del ruolo di nuovo Shevchenko, anche per l’omonimia. Oggi Andrej Kramaric sogna con la Croazia e a 27 anni sta ridando lustro alla sua immagine internazionale. Messosi in luce in patria nel Rijeka, fu acquistato a suon di milioni dal Leicester.  Oggi gioca nell’Hoffenheim e più che un bomber si sta rivelando un ottimo esterno d’attacco.

Leggi anche:  Torreira Torino, Vagnati tenta un nuovo assalto all'uruguagio: l'Atletico Madrid può lasciarlo andare

Calciomercato, le idee per il mercato da Russia 2018

Calciomercato, corsa e gol dalla Svizzera. Anche lui, come Kramaric, gioca in Germania nel Borussia M’Gladbach. 26 anni ad agosto, Josip Drmic è un attaccante è un attaccante che può giocare anche all’ala. Il gol non è proprio il suo mestiere, ma anche a gara in corso è un ottimo elemento su cui puntare. Ha già segnato un gol, contro Costa Rica, ai Mondiali 2018. Forse è il giocatore rivelazione migliore che si è visto Russia fino ad ora, anche perché è ancora molto giovane. Hirving Lozano, messicano di 22 anni, ha inguaiato la Germania e trascinato il Messico per settima volta consecutiva agli ottavi di finale ad un Mondiale. Gioca nel Psv Eindhoven, ha vinto il titolo nazionale in Olanda e può essere un pezzo pregiato sul mercato. Esterno offensivo o seconda punta, tecnica e velocità da mettere al servizio della squadra.

Leggi anche:  Calciomercato, Atletico M. su Milik: il polacco lascerà Napoli

Calciomercato, un gol per rilanciarsi. A 23 anni, compiuti a febbraio, non si può essere considerati vecchi. Ma Adan Januzaj, belga di origini albanesi, è già un gran frequentatore dei campi di mezza Europa. Oggi gioca in Spagna nella Real Sociedad, ma nel 2011 il Manchester United lo prese giovanissimo dall‘Anderlecht. In Inghilterra non ha reso come ci si aspettava, ma il talento di questo mancino d’attacco non è affatto in discussione. Il gol contro gli inglesi, manco a dirlo, lo sta lì a dimostrare. Nel Barcellona ha giocato pochissimo. Ma oggi Yerry Mina, 24 anni da compiere a settembre, è un eroe in Colombia. Due gol, decisivi per la qualificazione dei Cafeteros, e tanta sostanza fatta vedere in Russia. Vuole andare via dalla Spagna e con la penuria che c’è di difensori centrali che c’è in giro ci si potrebbe fare un pensierino.

  •   
  •  
  •  
  •