Chiesa, triangolo Juventus-Inter-Napoli: ma solo i bianconeri potranno chiudere, ecco il perché

Pubblicato il autore: Emmanuele Sorrentino Segui
chiesa

Federico Chiesa (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images scelta da Supernews)

Chiesa è divenuto nelle ultime ore il vero obiettivo di mercato di Juventus-Inter-Napoli: i tre top club del campionato italiano sono ad un passo dal talentuoso esterno della Fiorentina, presentando nella circostanza offerte più o meno interessanti.
La situazione, sebbene sia allo stato in stand-by, viene costantemente monitorata, con la società viola che ovviamente gradirebbe monetizzare il più possibile sull’affare: Chiesa potrebbe tranquillamente partire da Firenze, ma si rende necessario presentare alla società del patron Della Valle un’offerta che effettivamente sia allettante.
In questa intrigante corsa a tre per accaparrarsi le prestazioni sportive dell’esterno viola, ci sarebbero tante motivazioni che spingerebbero una squadra piuttosto che un’altra ad un passo da Chiesa, sulle quali sarebbe opportuno fare qualche considerazione in merito.
E analizzando la situazione in seno alle società, tra Juventus, Inter e Napoli, proprio i bianconeri sembrano essere favoriti in questa corsa, non solo per un aspetto prettamente d’immagine o di prestigio, che dir si voglia, ma piuttosto per una serie di circostanze che brucerebbero sul tempo proprio i partenopei e i nerazzurri, che a determinate condizioni non potranno mai contrattare con la Fiorentina, che ovviamente pretende il dovuto, richiedendo tutte le garanzie del caso.

Ecco perché i bianconeri brucerebbero Inter e Napoli sulla corsa per Federico Chiesa

La Juventus in primis ha già concluso lo scorso anno un’importante operazione con la Fiorentina per un altro ‘Federico’: allora si trattava di Bernardeschi, che fu prelevato dai viola, vincendo anche in questo caso la spietata concorrenza. Quest’anno la storia potrebbe ripetersi con Chiesa, sempre più vicino ai bianconeri.
Se è vero che Inter e Napoli abbiano fatto un sondaggio per l’esterno della Fiorentina, è altrettanto vero che le condizioni dell’affare imposte dai rispettivi club sono stati considerati non congrui per la società viola: i nerazzurri, innanzitutto, sui quali pesa la scure del Fair Play Finanziario, con le operazioni di mercato che sarebbero evidentemente bloccate sino al 30 giugno, deve necessariamente sottostare ai paletti economici imposti dai vertici del calcio europeo, dovendo alla stregua adattarsi ad un mercato piuttosto risicato; i partenopei, d’altro canto, hanno già chiuso con Verdi, che occupa quella determinata zona di campo, per cui Chiesa potrebbe rappresentare un inutile doppione.
Alla luce di queste considerazioni, solo la Juventus potrebbe effettivamente sferrare un attacco: alla base di questa affermazione ci sarebbe anche l’offerta presentata dai bianconeri per Chiesa, che avrebbero garantito alla società di Della Valle oltre ad una parte cash, anche le contropartite di Pjaca e Mandragora, sui quali il club viola potrebbe farci più di un pensiero.
Ma ci sarebbe un nuovo scenario che si sta profilando nelle ultime ore: la Juventus potrebbe decidere persino di lasciare Chiesa per un altro anno a Firenze, soprattutto alla luce del contratto che lo lega con il club fino al 2022 per un ingaggio da 1,6 milioni di euro a stagione, per poi procedere a chiudere la trattativa nella successiva sessione estiva di calciomercato.
In un simile scenario, solo la Juventus avrà la concreta possibilità di portarsi a casa un talento indiscusso, in una concorrenza che nei fatti sembra essere superata agevolmente.

  •   
  •  
  •  
  •