Mercato Milan, Bertolacci al Genoa: se ne va un altro “colpo” del condor Galliani

Pubblicato il autore: Antonio Guarini Segui

Mercato Milan, Bertolacci verso l’addio definitivo. Per capire il senso di quello che si sta per leggere bisogna tornare indietro di tre anni. E’ l’estate del 2015. Il Milan, dopo aver cacciato Pippo Inzaghi, ha ingaggiato come tecnico Sinisa Mihajlovic. Sono i giorni di Mister Bee, della collaborazione con la Doyen Sports e dei grandi colpi in canna per il calciomercato. Adriano Galliani da un po’ di tempo è abituato a gestire da solo il mercato rossonero. Ci sarebbe Rocco Maiorino come direttore sportivo, ma forse molti di voi lo sentiranno nominare per la prima volta. Il Milan si lancia sul mercato, primi obiettivi Kondogbia e Jackson  Martinez. Nelio Lucas, della Doyen, e Galliani si fanno immortalare sorridenti su un aereo che li porta Montecarlo. Kondogbia allora gioca nel Monaco. I due affari sembrano praticamente chiusi, ma qualcosa va storto.

Dopo un derby fratricida all’ultimo milione ecco la beffa: Kondogbia va all’Inter. Dopo qualche ora sfuma anche Jackson Martinez, l’attaccante colombiano va all’Atletico Madrid. A questo punto Galliani, furibondo, tronca subito con la Doyen e torna a fare il mercato Milan in piena autonomia. I tifosi restano delusi, anche se poi i posteri diranno che non si saranno persi granché. Galliani in pochi giorni risponde alle critiche con due colpi: Carlos Bacca e Andrea Bertolacci. 30 milioni di euro per il primo e 20 per il secondo . In quel momento i due giocatori potevano anche giustificare tale spesa. Il colombiano aveva vinto l’Europa League con il Siviglia, l’italiano era stato uno dei migliori centrocampista della serie A con il Genoa. Ma poi le cose andranno diversamente. Molto diversamente.

Mercato Milan, Romagnoli unico superstite dell’ultima estate del Condor

Mercato Milan, quante perdite per i rossoneri. In quell’estate del 2015 a Milanello, su grande pressione di Mihajlovic, arriva anche Alessio Romagnoli. Per 25 milioni di euro. Giovane, forte e con un futuro luminoso. Oggi infatti l’ex Roma è il titolare della Nazionale Italiana di Roberto Mancini. E gli altri? Il Villarreal non vuole spendere 15 milioni per Bacca, mentre il Genoa si sta per assicurare il cartellino di Bertolacci per 5 milioni di euro. In quell’estate arrivò al Milan anche Kucka. Lo slovacco  venne acquistato per 3 milioni dal Genoa, per poi essere rivenduto a 6 milioni al Trabzonspor. Ma da Fassone e Mirabelli.

Mercato Milan, quanti errori per Galliani. Altro mirabile “colpo” di quell’estate del 2015 fu Luiz Adriano. Galliani lo paga 8 milioni di euro allo Shakhtar Donestk, al giugno successivo il brasiliano si sarebbe svincolato. Nel gennaio 2017 Luiz Adriano viene regalato allo Spartak Mosca. Una cessione che non porta un euro nelle casse rossonere. Come quella di Matri al Sassuolo. L’ex juventino nell’estate del 2013 era stato pagato 11 milioni di euro. Tutto questo per dire che il Milan di oggi paga gli errori del recente passato. Fassone e Mirabelli stanno ricostruendo un patrimonio tecnico che manca da almeno 6 anni al Milan. Un tempo in cui sono stati fatti tanti danni. Tantissimi. I tifosi del Milan devono avere pazienza. La politica sugli acquisti è giusta. Giocatori giovani e di talento. Come fu all’epoca Romagnoli. Unica eccezione dell’ultima campagna acquisti firmata dal Condor di Monza.

  •   
  •  
  •  
  •