Mercato Roma, è tempo di cessioni:Bruno Peres e El Shaarawy con le valigie. In bilico Strootman e Nainggolan

Pubblicato il autore: Giuseppe Consiglio Segui
BENEVENTO, ITALY - SEPTEMBER 20: Ramon Rodriguez Verdejo Monchi of Roma during the Serie A match between Benevento Calcio and AS Roma at Stadio Ciro Vigorito on September 20, 2017 in Benevento, Italy. (Photo by Maurizio Lagana/Getty Images)

Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

La Roma è molto attiva sul mercato in entrata: dopo gli acquisti ufficiali di Coric, talentino croato acquistato dalla Dinamo Zagabria, e Marcano, esperto difensore spagnolo proveniente dal Porto, è ormai imminente anche l’arrivo di uno dei centrocampisti che meglio ha figurato nell’ultima Serie A, ovvero Bryan Cristante dall’Atalanta. Adesso in casa giallorossa è anche tempo di monetizzare e sfoltire la rosa a disposizione di Di Francesco. I tifosi si augurano che nessun pezzo grosso lasci Trigoria, nella speranza di migliorare la brillante stagione passata, culminata con la finale di Champions League sfumata al cospetto del Liverpool di Klopp. Ad oggi i principali indiziati a svestire la maglia della Roma per la stagione 2018/2019 sono Bruno Peres e Stephan El Shaarawy.

Il terzino brasiliano non ha mai pienamente convinto con le sue prestazioni, nonostante nella seconda parte di stagione con Di Francesco si erano intravisti dei buoni segnali di crescita, che comunque non basteranno per la riconferma. Per Bruno Peres ritorno al passato: il Torino è pronto a riabbracciarlo. Urbano Cairo è ormai prossimo ad ottenere il sì della Roma per un prestito con diritto di riscatto a 8-10 milioni. La trattativa è ormai ai dettagli e già entro la fine di questa settimana potrebbe essere ufficialmente annunciata: l’ultimo nodo è legato ad un possibile controriscatto che la Roma volesse decidere di esercitare in futuro per non avere rimpianti e continuare a tenere sotto osservazione il brasiliano.

Su El Shaarawy si muove invece la Fiorentina: Pantaleo Corvino sta cercando in tutti i modi di portare il Faraone sulle sponde dell’Arno, forse anche per cautelarsi qualora dovessero arrivare ghiotte offerte per Federico Chiesa. Tuttavia sarà molto difficile sbloccare la trattativa: la valutazione che la Roma fa del giocatore è parecchio elevata, non inferiore ai 20 milioni di euro, e a ciò si aggiunga il pesante ingaggio che El Shaarawy percepisce nella Capitale, pari a 2.5 milioni, cifra assolutamente fuori budget per i viola. Sarà necessario in questo caso una forte opera di intermediazione tra tutte le parti in causa per giungere ad un accordo.

Tra i pezzi pregiati dei capitolini i nomi, tanto per cambiare, disegnati con la valigia in mano sono ancora una volta Radja Nainggolan e Kevin Strootman. Che Spalletti e l’Inter siano grandi estimatori del Ninja è risaputo, ma immaginare adesso la possibilità di un suo trasferimento a Milano è molto difficile, forse impossibile, visto che il Fair Play Finanziario incombe su Suning, che è al momento più impegnato a trovare 50 milioni di plusvalenze da annotare in bilancio entro la fine di Giugno che a potenziare la rosa nerazzurra.
Discorso diverso per Strootman: nonostante le continue smentite sia da parte della società che del diretto interessato (che anche a margine dell’amichevole della sua Olanda contro l’Italia ha fermamente allontanato qualsiasi possibilità di lasciare la Roma), la sensazione è che, con una buona offerta intorno ai 30 milioni di euro e un progetto all’altezza delle aspettative del centrocampista, Monchi potrebbe decidere di monetizzare per avere risorse utili a potenziare altri reparti. Ma il mercato è solo all’inizio: le sorprese sono dietro l’angolo.

  •   
  •  
  •  
  •