Mercato: un Benzema nel motore del Napoli di Ancelotti per dare la caccia alla Juve

Pubblicato il autore: fabricondo Segui
KIEV, UKRAINE - MAY 26: Karim Benzema of Real Madrid celebrates after scoring his sides first goal during the UEFA Champions League Final between Real Madrid and Liverpool at NSC Olimpiyskiy Stadium on May 26, 2018 in Kiev, Ukraine. (Photo by Shaun Botterill/Getty Images)

Karim Benzema – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Un pieno di Benzema per lanciarsi all’inseguimento della Juve. Il Napoli rompe gli indugi sul mercato per diventare ad immagine e somiglianza di Carlo Ancelotti e punta il centravanti del Real. Il sarrismo è già un ricordo, la “grande bellezza” del tecnico toscano ha portato una valanga di applausi, ma “zero tituli” e il popolo partenopeo ha fame di vittorie. Aurelio De Laurentiis sta cercando di accontentare il plurivincente allenatore emiliano per dotare la squadra di chili, centrimenti e qualità, indispensabili per centrare quegli obiettivi solo sfiorati negli ultimi tre anni. Dopo la semina è il tempo della raccolta.

Non che il Napoli finora sia rimasto a guardare in questo primo mese di calciomercato. Dopo un mese di riflessioni è arrivato il sostituto di Reina, che ha accettato la proposta del Milan: in coppia dall’Udinese sono stati prelevati il talento Meret, l’anno scorso alla SPAL, e l’esperto Karnezis. Il primo colpo, però, è stato quel Verdi che a gennaio aveva declinato l’invito, preferendo terminare il campionato a Bologna: esterno d’attacco guizzante e prolifico, è più di un’alternativa agli inamovibili Insigne e Callejon. Sottovalutato l’acquisto di Fabian Ruiz, forte centrocampista del Betis Siviglia, chiamato a dare nerbo e classe al centrocampo partenopeo. Ma il meglio deve ancora venire.

Leggi anche:  Napoli, Gattuso minaccia le dimissioni: "Se le cose non cambiano posso pure andarmene"

L’obiettivo di Carletto è iniettare personalità e “arroganza” in una squadra, che ha sbandato nei momenti decisivi della stagione e non è mai riuscita ad imporsi in campo europeo, nonostante le belle prove contro squadroni del calibro di Manchester City e Real Madrid. Ed è proprio dai Blancos che Ancelotti vorrebbe prelevare il suo pupillo Karim Benzema, per dare forza ad un attacco troppo legato all’estro e ai colpi di Dries Mertens, arrivato con la lingua di fuori nell’ultimo mese decisivo di campionato. Non è una bocciatura per lo sfortunato Milik, ma è chiaro che il tecnico pretende l’usato sicuro per far decollare il suo Napoli.

La notizia è rilanciata dal quotidiano spagnolo As, da sempre vicino al mondo Real, ma per prendere l’attaccante francese servono 50 milioni di euro. Non sono spiccioli, ma la cessione di Jorginho al City potrebbe finanziare l’operazione che renderebbe felice Ancelotti. Ci sarebbero altre due pedine di spessore che l’allenatore ha indicato a Giuntoli: Vidal e Boateng, per i quali bisogna rivolgersi ad un’altra bottega di lusso, il Bayern Monaco. Si tratta di top player con un prezzo del cartellino notevole, ma se De Laurentiis vuole un Napoli competitivo ai massimi livelli deve decidersi ad investire sui grandi giocatori. D’altronde l’ingaggio di Ancelotti è il primo segnale che si vuole procedere in questa direzione, l’unica possibile per strappare lo scettro alla Juventus dominatrice da sette anni.

Leggi anche:  Fabiano Santacroce a SuperNews: "Napoli-Milan 1 a 3? Errori evitabili in difesa, ma ottimo lavoro di Gattuso. Crespo l'attaccante più difficile da marcare"

In una rosa che si appresta a diventare più bella restano due spine. La prima è Ghoulam, che continua a combattere con il ginocchio nonostante le cure negli Stati Uniti: l’algerino, elemento fondamentale nello scacchiere azzurro, si è rifiutato di togliere la placca alla rotula prima delle vacanze, facendo storcere la bocca alla società, e ora ha nuovamente problemi. L’altro è l’enigmatico Younes che – riferisce addirittura il presidente del Genoa Preziosi – avrebbe riportato la rottura del tendine d’Achille, con conseguente stop di 7-8 mesi. In attesa di conferme ufficiali, a questo punto solo le visite mediche del Napoli potranno risolvere il giallo.

  •   
  •  
  •  
  •