Roma, Monchi e l’ennesima rivoluzione sul mercato: chi parte, chi arriva

Pubblicato il autore: Giuseppe Porro Segui

Foto Getty Images © selezionata da SuperNews

Che Monchi sia al lavoro per dare una rosa pronta al mister Eusebio Di Francesco sin da subito è un dato di fatto, lo si vede già da ora visto che sono in arrivo dei nuovi acquisti che di solito non venivano presi prima della di fine agosto oppure a stagione già iniziata. Monchi e Di Francesco vogliono farsi trovare pronti (o quasi) con le caselle degli acquisti e delle cessioni praticamente piene per la data di inizio del ritiro (che quest’anno dovrebbe essere a Trigoria per poi partire per gli States) tranne ovviamente in alcuni casi che verranno trattati o dopo il mondiale, o con cautela se si tratterà di big aspettando gli sviluppi della rassegna mondiale

Rivoluzione
Parlare di rivoluzione potrebbe sembrare un po’ forte, ma abbiamo visto che negli anni la Roma americana ci ha abituato ogni anno a diverse rivoluzioni, visto che tra: allenatori; calciatori; staff dirigenziali e staff tecnici dalle parti di Trigoria sono passati ben oltre i cento interpreti. La rivoluzione “monchiana” è soprattutto una rivoluzione culturale oltre che di uomini, deve essere di testa da parte di tutto l’ambiente tifosi compresi. Tifosi che aspettano i nomi da poter leggere sotto gli ombrelloni; nei bar e negli uffici. Ad oggi i giallorossi hanno aggiunto nelle loro caselle di mercato: un talentuoso centrocampista croato, ovvero Ante Coric; un difensore spagnolo esperto, ovvero Ivan Marcano; un altro centrocampista talentuoso italiano, ovvero Bryan Cristante; mentre sembra imminente la chiusura della trattativa con il giovane attaccante esterno olandese, figlio d’arte Justin Kluivert. Sul fronte delle cessioni sembra ad un passo anche il passaggio di Bruno Peres al Torino per un viaggio di ritorno che non farà strappare i capelli ai tifosi giallorossi. Ma molto bolle in pentola, e comunque la Roma è attiva sul mercato in qualsiasi caso, sia in entrata sia in uscita. I nomi sono molti e vanno da Ziyech a Berardi; da Meret a Verissimo; da Marchisio a Chiesa, fino ad arrivare all’inarrivabile Cristiano Ronaldo. Mentre sul fronte partenze i nomi caldi sono sempre gli stessi, ovvero Alisson; Florenzi; NainggolanStrootman anche se per diversi motivi. Il dato di fatto e che la Roma non è costretta a vendere per forza entro il 30 giugno quindi il mondiale diventa decisivo per alcuni partecipanti da valorizzare o da studiare

Conclusioni
I nomi saranno da qui fino ad inizio campionato tanti, diversi e la maggior parte di fantasia. Se dovessimo ragionare per assurdo dando retta alla fuffa mediatica anche quest’anno Nainggolan e Strootman sono già alla corte di Spalletti come lo scorso anno. Se ragioniamo con razionalità Strootman è a Roma da luglio 2013 e Nainggolan da gennaio 2014 ed i giallorossi non hanno vinto comunque nulla. Se ragioniamo con il cuore non dovrebbe partire nessuno, anzi. Il mercato in continua evoluzione fa si che Alisson sia un portiere appetito dai top club ma non è detto che parta, che Florenzi ancora non riesce a trovare un accordo sul rinnovo, che Perotti o El Shaarawy potrebbero entrare in qualche operazione importante di mercato. Tutto da verificare, al momento godiamoci: Marcano; Coric e Cristante e quasi Kluivert, aspettando il mondiale che ormai è alle porte

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: ,