Calciomercato Milan: Zaza più lontano, il Torino ci pensa

Pubblicato il autore: Francesco Bergamaschi Segui

Simone Zaza – Foto Getty Images© scelta da SuperNews

Si complica e non poco la trattativa tra Simone Zaza ed il Milan. La punta classe ’91, oggi al Valencia, nei giorni scorsi era stata segnalata molto vicina al ritorno in Serie A, sponda rossonera, tuttavia nelle ultimissime ore, secondo quanto riportato da Goal.com, la trattativa avrebbe subito una brusca frenata. Le motivazioni? Ancora una volta vanno ricercate nella sanzione UEFA che la società di Via Aldo Rossi ha subito, con annessa mancata partecipazione alla prossima Europa League.

Nonostante il ricorso al TAS di Losanna sia già stato avviato, al momento il Direttore Sportivo Mirabelli potrà avere denaro per fare mercato, se non dopo qualche cessione, anche eccellente. Il possibile passaggio da Yonghong Li al Fondo Elliott, di proprietà di Singer, è ancora tutto da ufficializzare ed i tempi, anche in questo senso, sono sempre più destinati ad allungarsi.

Leggi anche:  Ibrahimovic voleva diventare il nuovo Maradona ma Adl disse no

Ecco allora che Simone Zaza rimane un calciatore apprezzato ma al momento irraggiungibile: gli unici colpi in entrata possibili, ad oggi, sono quelli a parametro zero, come già avvenuto per il portiere Pepe Reina, per il terzino Ivan Strinic e per il fantasista Alen Halilovic.

A spegnere qualsiasi speranza non solo per un possibile approdo della punta nativa di Policoro, ma anche di qualsiasi altro colpo in cui è necessaria una trattativa con una società, ci ha pensato Mirabelli stesso che ha dichiarato come, al momento, il Milan non possa prendere in considerazione acquisti in cui è necessario pagare un cartellino.

Il mercato in entrata, quindi, dovrà necessariamente essere finanziato per intero da quello in uscita: qualcuno esce, qualcuno entra. Ecco allora che i nomi caldi e destinati, con tutta probabilità, a lasciare Milanello sono Bacca e Kalinic, i quali dovrebbero finanziare, se ceduti, l’acquisto di una punta di livello.

Leggi anche:  Serie D, Maicon (ex Inter) torna a giocare nei dilettanti?

Zaza-Torino, Cairo farà un tentativo

Il Valencia, però, per lasciar partire l’ex attaccante di Sassuolo e Juventus, chiede non meno di 20 milioni di euro. Il ragazzo, pagato 18 milioni di euro soltanto soltanto una stagione fa, è stato autore di una buona annata con 13 reti nella Liga.

Il suo contratto in scadenza il 30 giugno 2021, inoltre, non lo rende facilmente svincolabile dalla società spagnola, motivo per cui il tutto rimane ampiamente bloccato. Ecco allora che il Torino, sempre secondo quanto riporta Goal.com, starebbe seriamente pesando di fare un tentativo per portarlo in granata.

La squadra di Walter Mazzarri, infatti, sarebbe tatticamente ideale per lui: un 3-5-2 dove l’attacco, soprattutto nel caso in cui sia Niang e Ljajic dovessero partire, avrebbe bisogno di un rinforzo di questo calibro per far compiere un ulteriore salto di qualità all’intera squadra.

Leggi anche:  Torino-Entella, sarà Longo contro Giampaolo?

La società di Urbano Cairo, a differenza del Milan, avrebbe a disposizione per questo colpo molta più liquidità: il bilancio del Toto, infatti, come riporta Tuttosport, è in attivo da ben 5 stagioni e, in aggiunta, nel caso in cui i due attaccanti sopra citati dovessero davvero lasciare il Piemonte, avrebbero a disposizione un importante tesoretto da reinvestire nell’attacco.

La coppia Zaza-Belotti sarebbe un vero e proprio sogno per la piazza granata, ma al momento non c’è nulla di concreto: bisognerà attendere qualche settimana per capire come si svilupperà questa vicenda. Il Milan, comunque, alle attuali condizioni di mercato, non può far altro che ritirarsi dalla corsa.

  •   
  •  
  •  
  •