Juventus, Sconcerti: “Caldara? È una scommessa. Non si può far fare la squadra ai tifosi”

Pubblicato il autore: Gabriele Tufano Segui
MILAN, ITALY - DECEMBER 23: Josip Ilicic (4nd L) of Atalanta BC celebrates his goal with his team-mates during the serie A match between AC Milan and Atalanta BC at Stadio Giuseppe Meazza on December 23, 2017 in Milan, Italy. (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

Sono ore calde a Torino. Dopo l’arrivo di Cristiano Ronaldo la Juventus sembrerebbe pronta a regalare un altro importante colpo ai suoi tifosi. Di chi stiamo parlando? Di Leonardo Bonucci. Come è noto, la Juventus, vista la partenza di Howedes -tornato allo Schalke dopo una sola stagione in bianconero- e il più che probabile addio di Rugani -il giovane italiano è fortemente corteggiato dal Chelsea-, da settimane è alla ricerca di un difensore centrale da affiancare agli esperti Barzagli e Chiellini. All’inizio i nomi più gettonati erano quelli del giovane talento dell’Ajax, De Light, e del centrale in scadenza con l’Atletico Madrid, Diego Godin. Poi, però, qualche giorno fa, l’ex colonna portante della difesa bianconera, Leonardo Bonucci, parlando con il neo dirigente rossonero, Leonardo, ha esternato la sua voglia di tornare a vestire la maglia della Juventus.

Leggi anche:  Portieri Juventus: Dino Zoff difende Szczesny e ha fiducia in Perin

Così sono iniziati i primi contatti tra le due società. Considerando che i rossoneri sono alla ricerca di una punta, e visto che Gonazalo Higuain è dato in uscita dalla società bianconera, si è pensato che la trattativa tra Juve e Milan si potesse incentrare sullo scambio Pipita-Bonucci più un conguaglio di circa 20 milioni che i rossoneri avrebbero dovuto versare nelle casse dei bianconeri. Successivamente, però, quando il Milan ha mostrato un certo interesse per il giovane difensore bianconero, Mattia Caldara -da poco rientrato dal prestito all’Atalanta-, le prospettive della trattativa sono cambiate. Infatti, i rossoneri avrebbero mostrato l’intenzione di scambiare Bonucci, non più con il Pipita, ma proprio con Caldara. Ora, qualora questo scambio si dovesse concludere, probabilmente, il club che trarrebbe maggior vantaggio sarebbe il Milan. Proprio per questo motivo i tifosi della Juventus si sono mostrati contrari ad una simile operazione di mercato, lanciando su Twitter l’hashtag: #Caldaranonsitocca.

Leggi anche:  Spezia-Juventus, Gyasi e la sua esultanza come CR7: ecco il motivo

L’editorialista del Corriere della Sera, Mario Sconcerti, ieri sera è intervenuto ai microfoni di RMC Sport esponendo il suo parere sul possibile scambio Bonucci-Caldara.  Nello specifico, il giornalista è apparso in disaccordo con tutti quei tifosi che in questi giorni hanno palesato un certo dissenso circa un eventuale scambio Bonucci-Caldara, giudicando -i tifosi- la partenza del giovane difensore bianconero “l’errore del secolo“: “L’idea nei confronti di Marotta e Paratici non cambierà, ma mi rendo conto che Caldara è un giocatore interessante. Spinazzola ad esempio è più complesso, ma Caldara può essere un titolare immediato nella Juventus. Subentra l’affetto per un giocatore giovane, mentre Bonucci è meno giovane. Nel costruire una squadra in generale non si può comunque guardare l’enfasi dei tifosi ma la propria competenza. Non si può far fare la squadra ai tifosi o giudicare in base ai sentimenti la costruzione di una squadra. Dobbiamo stare a vedere le cose che convengono a Juventus e Milan”.

Poi, Mario Sconcerti ha continuato spiegando i motivi per i quali sarebbe un vantaggio per la Juventus concludere questo scambio con il Milan: “La Juventus è una squadra che non deve avere scommesse di costruzione, se hai Caldara hai una scommessa, Bonucci sicuramente è una certezza. La formazione bianconera non punta sul futuro, ma sul presente. Il futuro è un continuo presente, che Caldara sia meglio tra due anni conta poco perché tra due anni la Juve farà un’altra operazione che sarà sicuramente meglio di quella attuale”.

 

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: