KP Boateng al Sassuolo, colpaccio dei neroverdi. L’ex Milan arriva dall’Eintracht

Pubblicato il autore: chris4910 Segui
REGGIO NELL'EMILIA, ITALY - DECEMBER 10: Edoardo Goldaniga of US Sassuolo Calcio (C) celebrates with his team-mates the victory at the end of the Serie A match between US Sassuolo and FC Crotone at Mapei Stadium - Citta' del Tricolore on December 10, 2017 in Reggio nell'Emilia, Italy. (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

Il calciomercat0, si sa, a volte regala delle sorprese che nessuno si aspetta. Nelle ultime ore la notizia più inaspettata ci arriva direttamente dall’Emilia: il Sassuolo, che è molto operativo sul mercato, sta cercando di acquistare il ghanese Kevin-Prince Boateng. Ci sarebbe già un accordo di massima con il calciatore, che tornerebbe in Italia e firmerebbe un contratto di due anni con il club del presidente Squinzi, che dalla prossima stagione vedrà alla guida l’ex allenatore del Benevento Roberto De Zerbi (che nelle scorse settimane ha rescisso il contratto con il club sannita dopo la mancata permanenza nella massima serie). Resta, al momento, da trovare l’accordo con il club che detiene il cartellino del ghanese, ovvero l’Eintracht Francoforte, nel quale ha militato nell’ultima stagione.

Fratello da parte di padre di Jerome Boateng (attuale calciatore del Bayern Monaco ma in procinto di trasferirsi in un altro club), Kevin-Prince Boateng, classe ’87, ha iniziato la propria carriera in Germania. E’ cresciuto nelle file del Fuchse Jugend, per poi trasferirsi, nel ’95, nelle giovanili dell’Hertha Berlino. Nel club della capitale tedesca. Boateng arriva ben presto in prima squadra, dove gioca per due stagioni in Bundesliga a buoni livelli, tanto da attirare l’attenzione di uno dei club più importanti d’Inghilterra, il Tottenham.

Leggi anche:  Ibrahimovic voleva diventare il nuovo Maradona ma Adl disse no

A Londra, Boateng non riesce a confermarsi, tant’è che nelle due stagioni a White Hart Lane disputa poche partite, prima di far ritorno, in prestito, in Germania, al Borussia Dortmund, dove gioca la seconda parte della stagione 2008-09. Nell’agosto successivo, di ritorno dal prestito, si trasferisce al Portsmouth, dove gioca spesso da titolare e vince anche una finale di Coppa di Lega inglese.

Le buone prestazioni con il club inglese attirano l’interesse di molti club, ma la società che riesce a spuntarla sulle altre è il Milan, che acquista il calciatore in sinergia con il Genoa del presidente Enrico Preziosi. Così, dopo il mondiale di Sudafrica 2010, dove era impegnato con la Nazionale ghanese (nonostante avesse anche il passaporto tedesco), Boateng arriva a Milano, sotto la guida di Massimiliano Allegri. Dopo un inizio al rallentatore, in cui Boateng si è adattato alla nuova realtà ed al calcio italiano, si ritaglia un ruolo importante nella squadra soprattutto nella seconda parte della stagione 2010-11, e nel mese di maggio, dopo il pareggio con la Roma dell’Olimpico, si laurea campione d’Italia con la squadra rossonera, dopo un digiuno di titolo di 4 anni (ultima vittoria la Champions League del 2007 contro il Liverpool ad Atene). Con il Milan vince anche la Supercoppa, nell’agosto 2011, nel derby contro l’Inter, partita vinta per 2-1 in rimonta e che lo ha visto segnare uno dei due goal che ha permesso alla squadra di alzare il trofeo.
Nelle stagioni successive si rivela nuovamente elemento fondamentale per il club, ma all’inizio della stagione 2013-14, pochi giorni dopo aver segnato la doppietta decisiva per la qualificazione in Champions dei rossoneri contro il PSV, viene ceduto in Germania, allo Schalke 04.

Leggi anche:  Fabiano Santacroce a SuperNews: "Napoli-Milan 1 a 3? Errori evitabili in difesa, ma ottimo lavoro di Gattuso. Crespo l'attaccante più difficile da marcare"

Allo Schalke è titolare per il primo anno e mezzo, mentre nella terza stagione, quella 2015-16, viene messo fuori rosa dalla società a causa di motivi comportamentali. Così, nel gennaio 2016 torna nuovamente al Milan, guidato prima da Mihajlovic e poi da Brocchi, ma non riesce a ritagliarsi un ruolo da protagonista.
Non confermato in maglia rossonera, nella stagione successiva arriva in Spagna, al Las Palmas, dove disputa una stagione importante, segnando addirittura 10 reti nella Liga Spagnola. Per motivi personali, nell’estate 2017 decide di ritornare in Germania, dove è accolto dall’Eintracht Francoforte.

Ora una nuova avventura per Boateng, che ritorna in Italia, luogo che lo ha fatto diventare grande e che lo ha sempre voluto bene, soprattutto quando, ai tempi del Milan, ottenne il sostegno di tutta l’opinione pubblica e di tutti i tifosi quando fu vittima di insulti razzisti da parte di una ristretta cerchia di persone, durante un’amichevole tra Milan e Pro Patria.

Leggi anche:  Serie D, Maicon (ex Inter) torna a giocare nei dilettanti?

 

  •   
  •  
  •  
  •