Mercato Empoli: Matias Silvestre nuovo baluardo della difesa azzurra

Pubblicato il autore: Lorenzo C

Foto originale Getty Images © scelta da SuperNews

Importante colpo di mercato dell’Empoli che si garantisce le prestazioni sportive di Matias Silvestre, difensore centrale argentino giunto dalla Sampdoria. Il calciatore, oramai fuori dai piani di Marco Giampaolo, lascia il Doria per accasarsi in Toscana, firmando con il club neopromosso in A un contratto dalla durata annuale. Dopo l’affare Capezzi, appare piuttosto movimentato l’asse tra la Genova blucerchiata e l’Empoli, con Silvestre pronto ad acquisire i galloni da titolare con lo scopo di dirigere la difesa dei toscani, grazie alla sua inequivocabile esperienza e ad una personalità per nulla affatto banale.

Silvestre era corteggiato anche dal Parma, durante questa sessione di mercato, ma la fumata bianca dalla Via Emilia tardava ad arrivare, così il d.s. dell’Empoli, Pietro Accardi, ha impresso la sprint giusto con l’obiettivo di rafforzare la rosa da mettere a disposizione di Aurelio Andreazzoli attraverso l’innesto di un calciatore carismatico ed assai talentuoso.

Riavvolgendo il nastro della sua carriera in Italia,  Matias Silvestre, che compirà 34 anni il  prossimo 25 settembre, giunse nel nostro Paese nel gennaio del 2008 quando il Catania lo prelevò dal Boca Juniors. Il difensore centrale argentino disputò tre stagioni e mezzo da titolare all’ombra dell’Etna, collezionando complessivamente 126 presenze impreziosite da 7 reti. A seguire avvenne il passaggio tra le fila di un’altra squadra siciliana impegnata nel campionato di serie A, ossia il Palermo. Esperienza in rosanero durata un solo anno, contraddistinta da 29 presenze e 5 reti.

Il salto di qualità doveva avvenire nel 2012 quando fu l’Inter ad assicurarsene le prestazioni, ma complice la difficile annata dei nerazzurri, la sua breve parentesi tra le fila del club di Corso Vittorio Emanuele non fu affatto entusiasmante. Lo stesso dicasi in merito a  quanto avvenne l’anno successivo, quando Silvestre passò ai “cugini” rivali del Milan, stagione che si concluse con 4 misere apparizioni all’attivo ed un gol.

La sua avventura in Italia stava assumendo le sembianze di una parabola discendente, sino a quando, nell’estate del 2014, venne la chiamata da parte della Sampdoria, club che fu in grado di rilanciarlo. L’argentino divenne un leader della retroguardia blucerchiata, un punto di riferimento per gli allenatori che si sono succeduti e per i suoi compagni di squadra. La sua esperienza nella Samp si è chiusa con 132 presenze complessive ed un gol. Il suo futuro, ora, sarà tinto di azzurro, ossia i colori dell’Empoli, squadra che vorrà lottare per mantenere la categoria, facendo leva sull’esperienza e la determinazione di questo difensore che in campo si impegna e combatte come un guerriero.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: