Inter, Spalletti già a rischio esonero ? L’ombra di Conte e Mihajlovic sul tecnico toscano

Pubblicato il autore: Giacomo Luigi Uccheddu Segui

Luciano Spalletti – Foto Getty Images© selezionata da SuperNews

Dopo un mercato nel quale Spalletti è stato a lungo accontentato, basti vedere gli acquisti di Keita e Nainggolan, la sconfitta contro il Parma di qualche ora fa ha portato pericolosissime nubi sopra la panchina del tecnico di Certaldo peraltro fresco di rinnovo. Troppi pochi quattro punti tra Sassuolo, Torino, Bologna e Parma per una squadra che alla vigilia del campionato era definita come l’anti Juventus e che domani in caso di vittoria del sodalizio di Allegri contro il Sassuolo rischia di andare a +12 sulla compagine meneghina.

Ma aldilà dei punti il fatto contestato a Spalletti è quel gioco che ancora manca nonostante dal suo insediamento sulla panchina nerazzurra ormai sia passato oltre un anno. Non solo gioco peraltro, la squadra non calcia in porta e considerato il fatto che la zona offensiva è stata pesantemente rinforzata e rimpolpata durante la sessione estiva del calciomercato con gli innesti oltre che di Keita e Nainggolan anche di Politano e Martinez, i tifosi e probabilmente anche qualcuno in società continuano a storcere il naso.

Leggi anche:  Bel gioco o risultati? La classifica del possesso palla in Serie A: Juve, Napoli e Atalanta al top, l'Inter...

Presto per parlare di un avvicendamento sulla panchina nerazzurra anche se le prossime sfide contro Tottenham ma soprattutto contro Sampdoria e Fiorentina potrebbero risultare decisive per l’allenatore toscano. L’ombra che si fa minacciosa su di lui è quella di Antonio Conte, l’ex commissario tecnico della Nazionale Italiana era già stato cercato da Suning ancor prima di Spalletti, il tutto scoppiò poi in una bolla di sapone. Occhio anche al nome di Sinisa Mihajlovic, uno che l’ambiente interista lo conosce bene essendo stato il secondo di Mancini nella prima parentesi del tecnico jesino in nerazzurro.

I precedenti di Spalletti dopo quattro giornate

Il cinquantanovenne tecnico non è nuovo a false partenze. L’ultima in ordine cronologico nella stagione 2009-10 alla guida della Roma, nonostante un discreto inizio di stagione coi successi nei Preliminari di Champions League contro Gent prima e Kosice poi, in campionato i giallorossi vennero dapprima clamorosamente sconfitti 2-3 dal Genoa a Marassi nonostante si fossero portati sul 2-0, poi alla seconda giornata allo Stadio Olimpico i capitolini vennero sconfitti 1-3 dalla Juventus. Spalletti rassegnò le dimissioni proprio dopo il match contro i bianconeri.

Leggi anche:  La bomba di Santini (7 Gold) sul futuro di Conte: "Potrebbe lasciare l'Inter a fine stagione. Al suo posto arriverà..."

Quattro punti dopo quattro giornate per Spalletti anche nella stagione 2008-09 sempre alla guida dei giallorossi. Quattro punti ottenuti tutti quanti tra le mura amiche grazie al pareggio alla prima giornata contro il Napoli e il successo di due settimane dopo contro la Reggina, nel mezzo la sconfitta al Barbera contro il Palermo e dopo la vittoria interna contro i calabresi l’1-3 subito dal Genoa allo Stadio Marassi. Quella Roma arrivò sesta in classifica.

Bottino magro anche a Udine nelle stagioni 2003-04 e 2002-03, nella prima stagione Spalletti venne sconfitto in casa dalla Roma prima di andare a vincere sul campo del Modena, perdere a Bologna e infine pareggiare in casa con l’Inter; durante la seconda stagione esordio con ko a San Siro contro il Milan, pareggio a Piacenza, sconfitta interna contro il Parma e tre punti al Friuli contro l’Atalanta. In ambo le stagioni il tecnico toscano riuscì a centrare la qualificazione in UEFA con un 7° e un 6° posto.

Leggi anche:  Futuro Juve: "ultimo tango a Torino" per due giocatori?

Per Spalletti precedenti che richiamano anche maggiore amarezza, ma per questi bisogna andare a pescare stagioni nelle quali l’allenatore venne chiamato in corsa. Ancora quattro punti, ancora a Udine, nella stagione 2000-01 dapprima perdendo in casa contro il Parma, poi pareggiando a Reggio Calabria, battendo in casa il Bari e infine perdendo a San Siro contro il Milan. Due punti ad Ancona nel 2001-02 ma in Serie B, questi frutto del pari interno col Palermo e di quello in casa del Siena intervallati dalle sconfitte in Calabria contro la Reggina e al Del Conero contro il Napoli. Ma il record negativo appartiene alla stagione 1993-94, la prima esperienza di Spalletti a Empoli, campionato di Serie C1, un solo punto alla sua seconda panchina il 1° Maggio in casa contro la Spal per il resto sconfitte esterne contro Massese e Prato oltre a quella interna contro il Chievo.

  •   
  •  
  •  
  •  
Tags: