Conte, futuro misterioso:”La Roma? Non ora, ma la allenerò”

Pubblicato il autore: Laurapetringa

Antonio Conte. In un’intervista esclusiva  alla Gazzetta dello Sport, si rivela a Walter Veltroni rispetto al suo futuro, ed ecco che il grande tecnico voluto da tutti, ex Juve ed ex Chelsea, lascia ampio spazio alle sue argomentazioni, e anche qualche indiscrezione. Nasce come giocatore Conte, dapprima con il Lecce, poi con la Juve, ed infine qui vi resta come allenatore.

Riguardo la Roma

Oggi le condizioni non ci sono ma penso un giorno, prima o poi, io andrò ad allenare la Roma”. ““Mi sono innamorato di Roma frequentandola nei due anni in cui sono stato c.t. della Nazionale. All’Olimpico senti la passione da parte di questo popolo che vive il calcio con un’intensità particolare, che per la Roma va fuori di testa”.

Una società che voglia Conte cosa deve proporgli?

Leggi anche:  Serie A, dove vedere Napoli-Roma streaming live e diretta TV: Sky o DAZN?

L’esperienza che ho fatto all’estero mi ha reso più forte e completo. La consiglierei a qualsiasi allenatore italiano. È dura, però ti migliora. Oggi se qualcuno mi chiama sa che io devo incidere, con la mia idea di calcio e con il mio metodo. Non sono un gestore, non credo che l’obiettivo di un allenatore sia fare meno danni possibile.Se pensano questo le società non mi chiamino. Trovo umiliante per la categoria sentire una cosa del genere. Io voglio incidere perché sono molto severo con me stesso. E poi ho un altro problema: la vittoria. Che sento come l’obiettivo del mio lavoro. Il percorso per arrivarci è fatto di lavoro, di sacrificio, di unità d’intenti, di pensare con il noi e non con l’io. Non ne conosco altri.

Vale anche per Inter o Milan?

Vale per qualsiasi squadra. Io devo avere la percezione di poter battere chiunque. Devo sentire che vincere è possibile. Altrimenti, senza problemi, posso continuare a restare fermo.

Leggi anche:  Roma, Mourinho pronto a dire addio per tornare in Premier League: l'indiscrezione

Un ritorno alla Juve?

Penso che la Juve abbia iniziato un percorso e penso che siano molto contenti di Allegri che sicuramente ha continuato il lavoro, sta facendo molto bene. Un domani non si sa mai.

Molto conteso Antonio Conte, dunque. Come racconta La Repubblica, lunedì scorso Beppe Marotta ha incontrato Antonio Conte e gli ha chiesto di aspettare a firmare con la Roma. L’a.d. interista valuta la disponibilità di Zhang Jindong a tirare fuori gli 80 milioni che servirebbero per il cambio in panchina. Ed è per questo che la Roma, dopo il no, sta cercando un degno sostituto per la panchina, rivolgendosi a nomi come Sarri o addirittura Mourinho. Per l’ex c.t. restano aperte ben cinque strade, anche se solo una sembra essere la favorita. L’Inter è in pole position, la Juve resta un’ipotesi in caso di separazione da Allegri, Manchester United, Psg e Bayern sono le big. A sentire l’intervista rilasciata a Veltroni, l’Inter dovrebbe offrirgli, oltre al compenso economico di circa 10 milioni di sterline, anche la possibilità di mettersi in rivalsa con le squadre più forti ( Juve n.d..r), per poter vincere, e Marotta dovrebbe rassicurarlo su questo punto. Sembra quindi che l’accordo si possa fare a giugno, ma anche che Andrea Agnelli abbia deciso che farà un tentativo per riportarlo alla Juventus se si dovesse rompere con Allegri nell’attesissimo incontro.

  •   
  •  
  •  
  •