Mercato Milan: ecco come Donnarumma incide sul mercato

Pubblicato il autore: Marco Albo Segui

Il mercato del Milan sta procedendo a rilento, ma sempre all’insegna di quel diktat societario che però sta facendo stizzire qualche tifoso ansioso di voler rivedere fin da subito la propria squadra ritornare ai vecchi fasti del passato. Come annunciato dalla società, però, ci vorrà tempo e ora più che mai tenere a bada i conti (quindi l’Uefa) e fare di necessità virtù sarà l’adagio rossonero. Un Milan giovane e di prospettiva, ma il tetto ingaggi sarà limitato: questa è la filosofia di Gazidis, che sul mercato ora è costretto a muoversi con cautela tra cessioni e acquisti. In uscita pare esserci qualche problema, perché Gianluigi Donnarumma, l’indiziato numero uno a poter far fare cassa con la sua rivendita, ora  vuole restare, e questo potrebbe incidere sensibilmente sulle prossime scelte di mercato.

Leggi anche:  HIGHLIGHTS VIDEO Verona Milan Femminile 0-1, cronaca e risultato Serie A: le rossonere volano in testa alla classifica

MERCATO MILAN, TUTTO RUOTA INTORNO A DONNARUMMA

Donnarumma punta i piedi: vuole restare a tutti i costi al Milan. Scelta che ai tifosi sicuramente farà piacere, ma un po’ meno alla società, già preparata psicologicamente da mesi al suo sacrificio. Il portiere della Nazionale è sempre stato individuato come la fonte principale dei ricavi rossoneri in questa sessione estiva, perché con la sua cessione si sarebbe poi potuto investire il tesoretto (circa 60-70 milioni) per rinforzare ulteriormente la squadra. Una cessione che non sarebbe stata vissuta tra le lacrime, data la presenza di altri 3 portieri in rosa, tra cui il fratello di Donnarumma. Il contratto del classe ’99 scade nel 2021, e presto  la società dovrà sedersi con lui e Raiola per discuetere di un rinnovo, evitando così di perderlo a parametro zero. La stima di mercato dichiarata dal Milan non ha riscosso grandi acquirenti; Manchester United e PSG per il momento non vogliono intavolare trattative o comunque spendere cifre così esose per un portiere, e di conseguenza la società ora è costretta a cambiare rotta in chiave mercato. Le alternative rimangono Suso, Laxalt, Borini, Castillejo e Biglia (costui già offerto alal Fiorentina per arrivare a Veretout). Le pretendenti per questi giocatori ci sono, ma sono tutte coscienti che a prezzi così alti risulta complicato arivare ad un accordo.

  •   
  •  
  •  
  •