Milan, il colpo Modric tra sogno e realtà

Pubblicato il autore: Marco Albo Segui

Nella testa della società rossonera è sempre fisso il diktat proferito da Elliott: il prossimo Milan dovrà essere giovane, dinamico, e che rispetti il Fairplay finanziario, quindi limitato nel tetto ingaggi, ma ci sarà comunque spazio per un’eccezione. Ebbene, l’eccezione che conferma la regola proviene da quel Real Madrid che ha vinto tutto e che ora in nome dei vecchi tempi potrebbe addirittura dare una mano alla società milanese, con un altro innesto che avrebbe davvero del clamoroso.

MILAN E MODRIC: FATTIBILE O SOLO SUGGESTIONE?

Nella testa di Boban da tempo riecheggia un nome davvero altisonante: Luka Modric. Il pallone d’oro 2018, nonché vice campione del mondo con la sua Croazia continua ad affascinare nonostante l’avanzare degli anni (ora infatti ha 34 anni), ma per una squadra che deve essere rifondata ma allo stesso tempo accelerare i tempi della sua rinasciata calcistica, può davvero rivelarsi un’occasione più unica che rara. Però meglio non deludere subito i tifosi: non è un segreto che il croato abbia sempre provato una profonda stima per Boban, da sempre suo idolo, così come abbia sempre tifato per il Milan, ma anche avendo la volontà del giocatore di accasarsi altrove, rimane sempre l’ostica questione economica da risolvere. Modric infatti, aldilà del prezzo, percepisce all’anno un ingaggio monstre di circa 12, 5 milioni. Cifra che non sono lontanamente pensabili nel nuovo assetto societario rossonero. In aggiunta, nonostante l’età, il croato viene valutato minimo tra i 20-25 milioni, cifra che quasi nessuno spenderebbe per un ultra trentenne. D’altro canto però con Boban a capo delle operazioni e con il fatto che il croato non rientri più nei piani del nuovo Real Madrid,sembra ancora aperto uno spiraglio. In casa Milan la volontà di provarci fino alla fine c’è, e anche se poi verosimilmente si fallirà, comunque la società avrà dimostrato di puntare fin da subito al meglio per i propri tifosi.

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Eriksen-Gomez, un breve sogno atalantino che rimane tale