Juventus, Emerson Palmieri strizza l’occhio a Sarri: “Con lui un anno meraviglioso, è un’ottima persona”

Pubblicato il autore: SAP Segui

 

La Juventus segue alcuni giocatori del Chelsea, e tra questi, spiccano i nomi di Jorginho ed Emerson Palmieri, veri pupilli di Maurizio Sarri nel corso della scorsa stagione ai Blues che ha portato il tecnico toscano a vincere l’Europa League.
Il giocatore italo-brasiliano ha quest’oggi strizzato l’occhio alla Juve tramite le parole del procuratore Joao Santos ai microfoni di Radio KissKiss Napoli:

La Juventus è una delle principali squadre europee: a tutti i calciatori farebbe piacere un’esperienza in bianconero…”.

Anche Emerson Palmieri ha rilasciato alcune dichiarazioni che potrebbero far piacere ai club italiani che seguono il calciatore della Nazionale Italiana, tra cui Inter e, appunto, Juventus.
Il giocatore ha affrontato più temi nel corso dell’intervista a Sky Sport, partendo dal suo impatto con il Chelsea:

“Sull’esperienza londinese? E’ stata bellissima: prima con Conte. Arrivare con un allenatore italiano ha reso tutto più semplice. Poi con Sarri, non ho parole, abbiamo fatto un anno meraviglioso: siamo arrivati terzi in Premier League, in finale di Carabao Cup e abbiamo vinto l’Europa League.”

Nel corso dell’intervista il numero 33 del Chelsea ha anche risposto ad una domanda che riprendeva le voci di mercato su un possibile ritorno in Serie A:

“Serie A? Mi sono trovato benissimo in Italia, anche con la cultura e per questo ho scelto la nazionale azzurra: ritornare? può succedere ma sono molto felice in questo momento. Ho un contratto al Chelsea e sono sereno”.

A Sky Sport Emerson Palmieri ha parlato anche dell’esperienza con i tecnici italiani, e in particolare, del rapporto con i suoi ex- allenatori  Luciano Spalletti, Antonio Conte e Maurizio Sarri:

“Cinque-sei mesi alla Roma non sono stati facili, poi Spalletti ha fatto un grande lavoro su di me, devo soltanto ringraziarlo, mi ha sempre protetto. Per me è stato come un papà. Differenze tra Sarri e Spalletti? Non è una domanda facile. Con Sarri ha un rapporto più sul campo, ma è sempre un’ottima persona. Dentro al campo sono due allenatore intelligenti, si assomigliano. Sarri è un po’ più tattico. Spalletti ti fa divertire di più durante gli allentamenti, mentre Sarri si arrabbiava di più. Conte? Ho imparato tante cose da lui, ha dimostrato di essere un allenatore fantastico. Ma mi ha dato più Sarri, abbiamo lavorato di più insieme”.

Le parole di Emerson Palmieri richiamano l’attenzione di Juventus e Inter che tengono d’occhio la situazione del terzino sinistro del Chelsea e della Nazionale Italiana, che nel frattempo è tornato proprio ieri ad allenarsi per la prima volta col resto del gruppo dopo lo stop dovuto all’emergenza Covid-19.
Sarà l’ennesimo duello di mercato tra bianconeri e nerazzurri?

  •   
  •  
  •  
  •