Ronaldo via dalla Juve? Il PSG ci pensa…

Pubblicato il autore: Davide Roberti Segui

Conoscendo il presidente qatariota del PSG, Al-Khelaifi, esiste qualcosa che si possa definire “impossibile” per lui? Oggettivamente, no. Anche solo per i 222 milioni spesi per Neymar, oppure i 180 sborsati per Kylian Mbappè, l’emiro ha sempre dimostrato di poter fare più o meno qualunque cosa voglia. Ed allora, se decidesse di mettere nel mirino Cristiano Ronaldo, cosa potrebbe succedere?

Al-Khelaifi, dichiarazione d’amore per Ronaldo

Siamo chiari, non esiste alcuna trattativa al momento. Però c’è una dichiarazione del presidente parigino che inizia a fare un po’ tremare la Juventus ed i suoi tifosi: a France Football, infatti, ha espresso tutta la sua ammirazione per il campione portoghese, esempio da seguire per ogni atleta.  Anno dopo anno mostra una determinazione unica, una straordinaria forza di carattere. Resta sempre motivato dal desiderio di migliorarsi giorno dopo giorno, spingendosi oltre i propri limiti. Ammiro questa sua volontà implacabile, è un grande esempio per tutti gli atleti del futuro”: queste le parole riguardo a Cristiano Ronaldo, che non evidenziano un vero interesse di mercato, ma che comunque non nascondono una sincera ammirazione per il fenomeno, che con Neymar e Mbappè formerebbe un tridente fuori dalle logiche umane.

Leggi anche:  Lazio-Kostic, è quasi fatta. E Inzaghi sogna Lazzari

Come strapparlo alla Juve?

Ronaldo guadagna 31 milioni di euro, a Torino. Tanti, tantissimi soldi, soprattutto per un giocatore di 35 anni. Il club parigino dovrebbe perlomeno pareggiare lo stipendio offertogli da Agnelli, ma anche alzare un po’ la cifra. Il problema è che, se di per sé si tratta di una cifra enorme, ai tempi del Coronavirus è ancora più problematico sborsare una somma del genere: per di più, la Ligue 1 si è già conclusa, quindi ai parigini mancheranno tutta una serie di introiti che difficilmente permetteranno investimenti del genere. In ultima battuta, c’è da dire che Cristiano Ronaldo ha comunque superato la soglia dei 35 anni, e per quanto sia sempre decisivo si tratterebbe comunque di una manovra economica azzardata. L’operazione è certamente molto complessa ma, come abbiamo detto, per l’emiro non c’è proprio nulla di impossibile.

  •   
  •  
  •  
  •