Esposito-Atalanta, retromarcia orobica sull’attaccante interista. Ecco perché

Pubblicato il autore: Filippo Davide Di Santo Segui


Capitolo Sebastiano Esposito-Atalanta: un contesto completamente capovolto nel giro di 72 ore. Nonostante nei giorni scorsi era evidente una buonissima intesa per quanto concerne l’acquisto a titolo definitivo dell’attaccante in forza all’Inter, la Dea ha fatto un passo indietro non indifferente, nonostante la volontà sia sua che della società di portarlo alla corte orobica alla fine del campionato di Serie A 2019/20. Ovviamente per vedere qualcosa di concreto in termini di calciomercato, bisognerà aspettare settembre, anche se i nerazzurri erano fortemente intenzionati a prendere uno dei prospetti più talentuosi del calcio italiano. Non perdiamoci in chiacchiere, e andiamo a capire il perché di questa retromarcia giustificata dell’Atalanta per quanto riguarda Sebastiano Esposito.

Capitolo Esposito-Atalanta: le motivazioni

Esposito-Atalanta: ecco perché il futuro di Sebastiano non sarà atalantino – Secondo quello che è risultato nelle ultime ore, Esposito ha richiesto uno stipendio pari a un milione di euro: una cifra che l’Atalanta, viste le operazioni precedenti, non si può permettere. A queste condizioni, nonostante il forte interesse, la Dea ha deciso di lasciar perdere lo stesso Esposito. Le questione è chiara: per venire a Bergamo bisogna attenersi ai parametri della società, indipendentemente da tutto. Opportunità sprecata? Si vedrà in futuro, ma i nerazzurri non sono attualmente impreparati (e occhio alla Primavera).

  •   
  •  
  •  
  •  
Leggi anche:  Tabellone Calciomercato Serie A, acquisti e cessioni: tutti i colpi della sessione invernale 2021
Tags: