Inter Messi, 500 milioni di motivi per cui l’operazione è infattibile (forse)

Pubblicato il autore: Davide Roberti Segui


INTER MESSI, SOGNARLO NON COSTA NULLA (MA INGAGGIARLO SI’) – Beppe Marotta sta provando a distogliere in tutti i modi l’attenzione sulla possibile trattativa Inter Messi, e continua a definirla un’utopia. C’è un “però”: l’attuale ds nerazzurro, ai tempi della Juve, disse lo stesso di Cristiano Ronaldo. Risultato? Come ben sappiamo, 120 milioni per l’acquisto, 31 di ingaggio e oltre 60 gol e due Scudetti in due stagioni. Quindi, quando Marotta usa il termine “utopia” c’è da fare attenzione: in realtà, un fondo di verità ci può essere. La verità, però, comprende anche i costi dell’operazione: ecco qui di seguito. Prima di proseguire, rimani informato su tutti i movimenti in Serie A con il tabellone del calciomercato aggiornato in tempo reale.

Inter Messi, operazione folle dal punto di vista economico

L’ormai celebre campagna pubblicitaria utilizzata da Pp Sport, la tv cinese di Suning, prima di Inter-Napoli, raffigurante la sagoma di Leo Messi sul Duomo di Milano, poteva rappresentare un indizio. Come hanno ricordato in molti, però, in passato fu usata anche la sagoma di Sandro Tonali, anche lui in orbita Inter, e comunque in generale l’utilizzo di queste immagini in Cina serve semplicemente come specchio per le allodole. Nuovi rumours erano nati alla notizia che il padre di Messi cercasse casa a Milano, ed anche questo fece sognare i tifosi. Il Corriere della Sera di oggi, però, sembra voler riportare i fan della Beneamata con i piedi per terra, illustrando i possibili costi di un’operazione di tale portata: 500 milioni (almeno) la spesa totale. Sono 150 per portarlo via dal Barcellona, oltre a bonus e vari contributi, ed almeno 50 milioni netti di ingaggio per la Pulce argentina (oltre 65 milioni lordi). Per un contratto di tre o quattro anni, come quello che l’Inter dovrebbe/potrebbe offrire, il conto totale si avvicinerebbe molto ai 500 milioni: tanti, tantissimi, forse troppi.

  •   
  •  
  •  
  •