Suarez, manca solo il tempo. Dzeko più che un’idea

Pubblicato il autore: Mario Nuvoletto Segui


Sembrava tutto ormai fatto e invece è arrivata la fumata nera dell’affare Suarez-Juventus. Le due parti sono sono dette addio, il motivo? Il motivo è semplice, di mezzo c’è il passaporto e i tempi che servono per ottenerlo. Il campione uruguaiano tramite il proprio staff ha fatto sapere alla società bianconera che se pure riuscisse a superare l’esame di italiano, non riuscirebbe ad ottenere la cittadinanza italiana in tempo per trasferirsi a Torino ed essere iscritto alla lista Champions League entro il 6 ottobre. Per motivi burocratici, quindi, almeno salvo colpi di scena, Suarez non vestirà la maglia dei bianconeri la prossima stagione, facendo svanire il sogno di vederlo giocare al fianco di Cristiano Ronaldo e Paulo Dybala.

Il pallino di Suarez è quello di giocare la Champions League, per questo motivo direbbe di no anche alla Juventus e accetterebbe altre proposte interessanti provenienti dai top club europei che giocano la massima competizione calcistica. Intanto El Pistolero è sempre fuori dal progetto del Barcellona e continua a chiedere una buona uscita ricchissima e che si avvicina al suo compenso annuale, ovvero 15 milioni di euro. La squadra spagnola non è disposta a pagare l’intera buona uscita e sarebbe disposto a mettere la differenza sull’eventuale ingaggio che gli offrirà la sua prossima squadra.

Da Suarez a Dkezo, ecco cosa succede

Abbandonata la pista Suarez, Paratici si è fiondato su Edin Dzeko, con il quale da tempo ha un accordo per 7 milioni di euro a stagione per due anni, mentre alla Roma andrebbero 16 milioni. Affare praticamente fatto, ma manca un tassello per completarlo, ovvero il sì di Milik alla Roma. Sì, perché il giocatore polacco in questo momento ha congelato la trattativa con la squadra giallorossa e si è preso 48 ore di tempo per decidere, mettendo in stand-by tre squadre ed un giocatore. Senza il sì del bomber del Napoli, salterebbe l’affare Dzeko alla Juventus. Nel mentre il giocatore decide cosa fare, le due squadre hanno trovato già un accordo per l’acquisto del cartellino, ovvero 20 milioni più 5 di bonus.

Le due parti sono d’accordo, Milik no. Il giocatore non sarebbe disposto ad accettare l’offerta di 4,5 milioni più bonus fatta dalla Roma e quindi ha deciso di aspettare. Aspettare cosa poi? Forse proprio la Juventus che l’ha cercato nelle scorse settimane, ma in quel di Torino molte cose sono cambiate in panchina, con Sarri che ha dovuto fare spazio ad Andrea Pirlo. E proprio quest’ultimo ha chiaramente espresso la volontà di avere Edin Dzeko come nuovo numero 9 della squadra in caso di impossibilità di arrivare a Suarez.

Inoltre nei pensieri di Milik c’è l’idea di liberarsi a parametro zero e cercare una nuova squadra da svincolato, però il suo entourage gli ha fatto notare che nel caso in cui restasse al Napoli dovrebbe abituarsi a non giocare e fare una intera stagione in tribuna, giocandosi addirittura l’Europeo la prossima estate. Ma Milik, attualmente, non sembra essere preoccupato, un po’ di più la Juventus.

  •   
  •  
  •  
  •