Il Psg vuole Messi: indiscrezioni dal canale brasiliano TNT

Pubblicato il autore: Martina Musu Segui

Secondo TNT Sports Brasil il Psg vuole Messi: avrebbe già offerto un contratto

Sebbene ora il calciatore argentino sia concentrato sul campionato spagnolo, che vede il Barcellona terzo in classifica dopo Atletico e Real Madrid, c’è un club che continua a inseguirlo: il Psg vuole Messi. Come sappiamo, il calciatore non ha ancora rinnovato il suo contratto con il club catalano in scadenza a giugno, e non sappiamo ancora cosa succederà oltre quella data. La permanenza di Messi al Barcellona non è mai stata così incerta. Il club blaugrana sembra intenzionato a proporre al calciatore un ingaggio inferiore a quello attuale che si aggira sui 35 milioni di euro a stagione a causa della crisi dovuta alla pandemia. La figuraccia in Champions League contro il Bayern Monaco, il rapporto difficile con ormai l’ex dirigente Bartomeu e la mancanza di un progetto vincente hanno portato ad un malcontento da parte del calciatore.

Leggi anche:  Raiola alla Rai: "Pogba, ritorno alla Juve assolutamente possibile"

Il Psg vuole Messi

Secondo le indiscrezioni lanciate dal canale brasiliano TNT Sports Messi avrebbe già ricevuto un’offerta da parte del Paris Saint Germain. Il club francese gli avrebbe proposto un contratto biennale con opzione per il terzo anno. Non sono state dichiarate cifre relative al contratto ma si parla di una proposta dal valore economico davvero elevato, irraggiungibile anche per il Barcellona. Messi è sempre stato molto chiaro con il suo club. La sua futura permanenza in Spagna non sarebbe legata al suo stipendio ma bensì alla possibilità di essere competitivo. Il calciatore infatti ha dichiarato di voler far parte di un club competitivo a livello europeo attualmente, in PSG offrirebbe maggiori possibilità rispetto al Barça. C’è da dire anche che è improbabile che Messi prenda una decisione definitiva prima della fine della stagione. Il presidente del Barcellona Laporta farà il tutto per tutto per far restare la Pulce a “a casa sua”.

  •   
  •  
  •  
  •