Lazio, Kamada: "Pensavo di giocare di più. Non so se resto"

L'intervista di Kamada al quotidiano nipponico Sports Hoch descrive una situazione personale tutt'altro che buona. Il centrocampista offensivo giapponese pensava e sperava di trovare maggiore continuità e minutaggio, rispetto a quanto concessogli da Sarri.

Ai microfoni di "Sports Hoch", quotidiano giapponese, Kamada si è sfogato sui primi mesi passati con la maglia della Lazio. Il bilancio non è affatto positivo.

Kamada: "Non pensavo di giocare così poco alla Lazio"

Daichi Kamada ha raccontato che non si sarebbe mai immaginato di giocare così poco in biancoceleste. Ha comunque ammesso che la presenza tra i titolari di un grandissimo calciatore come Luis Alberto, definito una leggenda, rende spesso necessario l'utilizzo in contemporanea di giocatori fisici come Vecino e Guendouzi, per aiutarlo a rendere al meglio.

"Futuro alla Lazio? E' tutto da decidere"

Kamada, comunque, ha parlato bene dell'ambiente capitolino, dove si sente a suo agio; ha aggiunto di avere un ottimo rapporto con i suoi compagni di squadra e di apprezzare il tifo caloroso che si respira in città.

Leggi anche:  Genoa: scelto il sostituto di Gudmundsson e piace Miretti dalla Juve

Ha concluso, però, che il suo futuro alla Lazio è ancora tutto da definire, perché per un professionista giocare con continuità è la cosa che conta di più.