Tour of the Alps 2017 (ex Giro del Trentino): percorso, altimetrie e favoriti

Pubblicato il autore: Andrea Biagini Segui

Tour of the Alps 2017C’è grande attesa in vista del via ufficiale del Tour of the Alps 2017, la corsa in programma dal 17 al 21 aprile e che da quest’anno sostituisce il Giro del Trentino. Sotto la spinta dell’Euregio Tirolo-Trentino-Alto Adige infatti, gli organizzatori della GS Alto Garda hanno deciso di dare un piglio internazionale all’evento aprendo le porte all’Austria (dove si correranno i Campionati del Mondo su strada 2018), oltre che aggiungendo un’ulteriore tappa e sostituendo la cronosquadre con una tappa in linea, in modo da rendere la corsa ancor più aperta ed imprevedibile. Lo scorso anno ad imporsi fu Mikel Landa davanti alla coppia Astana formata da Tanel Kangert e Jakob Fuglsang. Chi sarà il successore del basco?

Tour of the Alps 2017, IL PERCORSO

Lunedì 17 aprile, tappa 1: Kufstein – Hungerburg (142.3 km)

tour of the alps 2017Prima tappa che non presenta grandi difficoltà altimetriche che potrebbero mettere in difficoltà gli uomini di classifica. La salita finale può essere il trampolino di lancio ideale per chi cerca la vittoria di giornata.

Leggi anche:  Mondiali Ciclocross, programma, orario e dove vederli

Martedì 18 aprile, tappa 2: Innsbruck – Innervillgraten (181.3 km)

tour of the alps 2017Come lunedì. anche oggi la giornata sarà relativamente calma, con la strada che nel finale sale costantemente. Sembra terreno favorevole per una fuga, a meno che qualcuno non provi ad anticipare il gruppo con un attacco negli ultimi chilometri.

Mercoledì 19 aprile, tappa 3: Villabassa – Funes/Villnöß (143.1 km)

tour of the alps 2017Dalla terza tappa si inizia a fare sul serio, con due salite molto esigenti in programma come Passo delle Erbe e Alpe di Rodengo, quest’ultima lunga 12 chilometri e caratterizzate da pendenze che arrivano a sfiorare anche il 20% in alcuni punti. Subito dopo lo scollinamento del secondo GPM, ecco una discesa molto tecnica prima del falsopiano che porterà i corridori ai piedi della salita finale lunga 9 km, dove gli uomini di classifica potrebbero decidere di farsi vedere.

Leggi anche:  Fabio Aru rinuncia al mondiale di Ciclocross. Le dichiarazioni

Giovedì 20 aprile, tappa 4: Bolzano – Cles (165.3 km)

Tour of the alps 2017Anche la tappa 4 si preannuncia dura, sebbene l’ultima salita di Forcella di Brez sia stata posizionata a 20 km dall’arrivo, riducendo così le possibilità di vedere uno scontro frontale tra i big. Viste le condizioni, sembra la giornata buona per un attacco da lontano da parte dei cacciatori di tappe.

Venerdì 21 aprile, tappa 5: Smarano-Trento (199.6 km)

tour of the alps 2017L’ultima tappa è decisamente la più difficile della corsa, considerando anche i quasi 200 km da percorrere. Non c’è l’arrivo in salita, ma l’ascesa al Monte Bondone (22 km) sarà infatti un punto chiave della giornata, con i migliori che sicuramente cercheranno di guadagnare secondi preziosi prima della discesa che riporterà i corridori a Trento, dove è posto l’arrivo della tappa. Nel finale è previsto un circuito con la salita di Novaline a 10 km dal traguardo, che potrebbe favorire ulteriori attacchi.

Tour of the Alps 2017, I FAVORITI

L’assenza della cronometro a squadra sicuramente avvantaggerà gli scalatori, che in questo modo potranno giocarsi al meglio le proprie carte per cercare di far loro la classifica generale. Tra i favoriti di questa prima edizione del Tour of the Alps 2017 ci sono senza dubbio il campione in carica Mikel Landa, capitano del Team Sky assieme al gallese Geraint Thomas, Thibaut Pinot (FDJ) e Rohan Dennis (BMC), su cui c’è grande curiosità per capire come procede la sua trasformazione in corridore da corse a tappe in vista del Giro d’Italia 2017. Tra gli italiani occhio a Michele Scarponi (Astana), promosso a capitano dopo il forfait di Fabio Aru, Davide Formolo (Cannondale-Drapac), Domenico Pozzovivo (Ag2r La Mondiale) e Damiano Cunego (Nippo Vini Fantini). Tra gli outsider, occhio ad Egan Bernal (Androni Sidermec), lo scorso anno maglia bianca e che quest’anno ha dimostrato di avere i numeri giusti quando la strada sale.

  •   
  •  
  •  
  •