Volta a Catalunya: Valverde vince la quarta tappa e torna leader della classifica generale

Pubblicato il autore: Matteo Cartolano Segui

ADELAIDE, AUSTRALIA - JANUARY 20: Peter Sagan of Slovakia and Bora-Hansgrohe competes up Willunga Hill during stage five of the 2018 Tour Down Under on January 20, 2018 in Adelaide, Australia. (Photo by Daniel Kalisz/Getty Images)

Alejandro Valverde si aggiudica così la quarta tappa della Volta a Catalunya da Llanars a La Molina. Secomdo successo di tappa per “El Embatido” in questa edizione della corsa a tappe spagnola. Il corridore della Movistar batte in volata Egan Bernal. Terzo, staccato di 6”, Nairo Quintana.
Grazie al forte ritardo accusato Thomas De Gendt, leader alla partenza stamattina, lo spagnolo si riprende anche la maglia bianco-verde, simbolo del capolista in classifica generale. Ora precede Bernal di 19” e Quintana di 26”. Lo spagnolo pare aver posto una seria ipoteca sul successo finale: le prossime tappe, infatti, non saranno troppo impegnative, e per gli avversari sarà arduo inventarsi qualcosa per portare via il primato a Valverde.

CLASSIFICA QUARTA TAPPA VOLTA A CATALUNYA – 1. A.Valverde (SPA-Movisttar) in 4h25’54”; 2. E.Bernal (COL-Team Sky) s.t.; 3. N.Quintana (COL-Movistar) +6”; 4. P.Latour (FRA-AG2R) +23”; 5. T.Pinot (FRA-Groupama FDJ) +53”; 6. M.Soler (SPA-Movistar) s.t.; 7. S.Yates (GBR-Mitchelton Scott) s.t.; 8. H.Carthy (GBR-Education First) +59”; 9. D.Martinez (COL-Education First) +1’03”; 10. B.Hermans (BEL-Israel Cycling Academy) s.t.

CLASSIFICA GENERALE – 1. A.Valverde in 17h00’58”; 2. E.Bernal +19”; 3. N.Quintana +26”; 4. P.Latour +48”; 5. S.Yates +1’12”; 6. T.Pinot +1’14”; 7. M.Soler +1’18”; 8. G.Bennett s.t.; 9. H.Carthy +1’24”; 10. S.Kruijswijk +1’28”.

https://twitter.com/PtelefonicaCol/status/976847854152151041 

ULTIMO KM: Bernal e Valverde vanno a giocarsi la tappa, Quintana dopo aver tirato si stacca. Lo spagnolo affianca il colombiano ai 200 mt dal traguardo e va a vincere la tappa. Quintana chiude staccato di pochi secondi.
1,4 km: Quintana tira il trio di testa, Valverde mantiene l’ultima posizione del gruppetto e sembra imminente un suo attacco.
2 km: il trio di testa ha 30” sui rivali all’inseguimento, guidati da Simon Yates.
4 km: neutralizzata da Bernal l’azione di Quintana, con Valverde a ruota. Latour ha perso terreno.

Leggi anche:  Fabio Aru racconta la sua nuova esperienza con la Qhubeka

https://twitter.com/PtelefonicaCol/status/976845777610969088

4,4 km: Quintana prova ad allungare sui rivali.
4,9 km: i 4 uomini al comando procedono ora di comune accordo, non ci sono attacchi.
6,1 km: Latour è riuscito a rientrare sul trio di testa.
6,7 km: Bernal prova a forzare l’andatura, solo Valverde e Quintana sembrano reggere il suo ritmo.

https://twitter.com/ruedavida/status/976844673057787904

7,5 km: ci sono ora 5 uomini al comando: i tre Movistar Valverde, Quintana e Soler, Bernal del Team Sky e Latour. Gli altri sembrano tagliati fuori, da questo attacco a 3 punte della squadra spagnola.
8,4 km: Soler prova a riallungare, Latour prova a seguirlo, mentre un quartetto formato da Valverde, Quintana, Bernal e Simon Yates segue a propria distanza. Gli altri attaccanti hanno perso terreno.
9,2 km: ci riprova Valverde, che raggiunge subito il gruppetto di testa.
9,8 km: ripreso Mohoric, si è fomrato un sestetto al comando: oltre allo sloveno, a Soler e a Latour, si sono agganciati anche Bennett, Carthy e Gesbert che ha superato il momento di difficoltà
10 km:Gesbert si è staccato subito dai rivali, Soler e Latour stanno invece riprendendo Mohoric che si è rialzato.
10 km: dopo poco dall’inzio della salita, scattano dal gruppo Soler, Latour dell’AG2R e Gesbert della Fortuneo.
11 km: Mohoric affronta le prime rampe della salita finale, che condurrà i corridori al traguardo di La Molina.
12 km: invariata la situazione in corsa, con Mohoris sempre avanti di 1′.
https://twitter.com/livecyclingM/status/976840673864372224

16 km: poderosa l’azione di Mohoric, che ha già guadagnato 1′ su tutti i rivali all’inseguimento.
19 km: Valverde e Chaves sono stati ripresi dal gruppo dopo essersi rialzati.
20 km: il corridore della Bahrain-Merida, grazie a una discesa spettacolare, sta allungando sui due rivali all’inseguimento, il suo vantaggio è salito a 33”.
22 km: Mohoric ha staccato Chaves, che è stato raggiunto da Valverde. Lo sloveno ha 10” di vantaggio sul duo all’inseguimento.
24 km: anche Valverde ha allungato sul gruppo in discesa e si è posto all’inseguimento del duo di testa. A causa del forte ritardo accusato da De Gendt, lo spagnolo ha la possibilità di riprendersi la leadership della generale.
25 km: dal gruppo è scattato  Matej Mohoric della Bahrain Merida. Lo sloveno ha allungato in discesa e ha ripreso Chaves.
29 km: Chaves è nella discesa del Coll de la Creueta. Il gruppo sta recuperando, il suo vantaggio è ridotto a 45”.
15:58 
– La maglia bianco-verde Thomas De Gendt è in forte ritardo a causa di una caduta. Il suo ritardo da Chaves è di quasi 13′.
15:54
– Il gruppo ha recuperato qualcosina sul colombiano, il suo vantaggio è ridotto a 1’09”
15:50
– Amici di SuperNews, benvenuti alla diretta scritta della quarta tappa della Volta a Catalunya 2018, la Llanars-La Molina di 170,800 km. Al momento in fuga solitaria c’è Esteban Chaves, che ha  1’15” di vantaggio sul gruppo. Siamo vicini alla vetta del GPM di Coll de la Crueta, mancano poco più di 33 km al traguardo.

Leggi anche:  Fabio Aru racconta la sua nuova esperienza con la Qhubeka

Alla Volta a Catalunya oggi va in scena la tappa regina. Partenza da Llanars e arrivo in salita a La Molina, dopo 170,800 km di corsa.
Percorso praticamente privo di pianura: primi 40 km semplici, con percorso in discesa, poi il gruppo dovrà già affrontare 4 salite, anche se nessuna di essa è classificata come GPM. La prima asperità riconosciuta di giornata sarà il GPM di prima categoria di Port d’El Jou, salita breve ma ripida, al quale farà seguito un tratto in discesa preludio al GPM di categoria Especial di Coll de la Creueta. Questa salita è lunga complessivamente 21 km, con una pendenza media del 5%, ma la durezza della scalata va ad aumentare col passare dei km. Si scollina a 33 km dal traguardo e si affronta nuovamente un lungo tratto in discesa, che porterà i corridori ai piedi della dura salita finale che condurrà i concorrenti all’arrivo, lunga 11,6 km. L’ascesa presenta una pendenza media è del 4,3%, ma quella massima è del 15%.
La tappa può quindi essere decisiva per la vittoria finale, qualora un corridore riuscisse a fare la differenza sui rivali. Il nuovo leader della classfica generale Thomas De Gendt, vincitore della tappa di ieri dopo una lunga fuga, deve difendere 23” di vantaggio su Alejandro Valverde e 27” su Jay McCarthy. Altri nomi illustri però potrebbero però provare a strappargli la maglia bianco-verde nella tappa di oggi, non essendo lontani in classifica: Simon Yates è 5° a 29”, Thibaut Pinot è 6° con un ritardo di 31”, Nairo Quintana è 7° staccato di 34” e dietro di loro c’è un folto gruppo di corridori che accusano da De Gendt un gap di 35”.
Purtroppo non sarà della partita Adam Yates, costretto al ritiro a causa di una caduta all’ultimo km della frazione di ieri. Il corridore inglese ha battuto violentemente la schiena nella zona dell’osso sacro e non è riuscito a ripartire essendo inevitabilmente costretto a lasciare la corsa. Un vero peccato per lo scalatore inglese, che si era presentato in Catalogna in ottima condizione, evidenziata alla recente Tirreno-Adriatico, dove aveva ottenuto il successo nella tappa di Filottrano, dedicata alla memoria di Michele Scarponi.

  •   
  •  
  •  
  •