Marc Soler vince la Parigi-Nizza, ultima tappa a De La Cruz

Pubblicato il autore: Matteo Cartolano Segui


Epilogo rocambolesco per la Parigi-Nizza. La “Corsa verso il Sole” è andata allo spagnolo della Movistar Marc Soler, vincitore anche della maglia bianca come miglior giovane in classifica generale. Il corridore iberico si è imposto in classifica generale al termine di un’ultima frazione avvincente e ricca di colpi di scena, favorita da un percorso molto duro, con 6 GPM, e privo di tratti pianeggianti. Tappa resa ancor più avvincente da condizioni meteorologiche proibitive, con pioggia scrosciante e temperature molto basse a tenere compagnia ai corridori per l’intera giornata. Il successo di tappa è andato a un altro spagnolo, David De La Cruz del Team Sky, che ha battuto in una volata a 3 i connazionali Omar Fraile (Astana) e Soler, che ha strappato la maglia gialla a Simon Yates grazie ai 4” di abbuono ottenuti con il 3° posto di tappa e. Il corridore inglese è infatti arrivato al traguardo con 35” di ritardo dallo spagnolo ed è stato così beffato proprio da quei 4” che sono risultati decisivi per l’assegnazione della maglia gialla.

Leggi anche:  Ciclismo 2021, le corse annullate nella prossima stagione

Tappa movimentata fin dalle prime battute: il primo a provarci, dopo pochi km, è Julian Alaphilippe, che tenta di recuperare il divario di 2′ accusato ieri, che lo ha portato lontano dalla vetta della classifica. Insieme al francese della Quick-Step Floors se ne vanno i due uomini Astana Fuglsang e Fraile. Successivamente il danese è vittima di una caduta e i due restano soli al comando con 1’10” di vantaggio sul gruppo.
Fraile e Alaphilippe rimangono insieme fino al 47 km dalla conclusione: all’imbocco del GPM di Cote de Peille, lo spagnolo allunga sul francese che viene rapidamente ripreso e staccato dal gruppo. Nello stesso momento, dal gruppo partono Soler e De La Cruz, che accumulano rapidamente più di 1′ di vantaggio suigli altri big della classfica, e proprio in vetta al GPM, posto a 42 km dall’arrivo, raggiungono Fraile.
I 3 viaggiano di comune accordo insieme fino per una trentina di km, transitando in testa sul successivo GPM del Col d’Eze, e mantenendo inalterato vantaggio fino all’imbocco dell’ultima asperità di giornata, il Cols des 4 Chemins, posto a 14 km dall’arrivo.
Qui parte la bagarre, sia per la vittoria di tappa che per la clasifica genrale: De La Cruz tenta di allungare sui due avversari, senza successo, mentre dietro è Jon Izagirre a scattare dal gruppo maglia gialla. Lo seguono Tim Wellens, Dylan Teuns, Richard Carapaz e il fratello Gorka, mentre la maglia gialla Yates fatica a tenere il passo degli avversari e insegue a 10” di ritardo insieme a Patrik Konrad e Alexis Vuillermoz.
In vetta al GPM la situazione vede quindi il terzetto di testa precedere di 50” il gruppo degli Izagirre e di 1′ la maglia gialla. Nella successiva discesa, però, i fratelli spagnoli della Bahrain-Merida combinano un pasticcio: cadono all’uscita di un tornante e vengono così raggiunti da Yates, dovendo unirsi all’inglese nell’inseguimento ai rivali.
Al termine della discesa, poco prima dell’ultimo km, i due gruppi inseguitori si ricongiungono, ma è ormai troppo tardi per sperare di ridurre il ritardo dall trio di testa, che si gioca la vittoria di tappa con De La Cruz vincitore davanti a Fraile. Soler, pur disinteressandosi dello sprint, guadagna quel tanto che basta per vincere la Parigi-Nizza.

Leggi anche:  Giro d'Italia 2021, la Sicilia conferma le sue tappe

CLASSIFICA ULTIMA TAPPA – 1. D.De La Cruz (SPA-Team Sky) in 2h53’06”; 2. O.Fraile (SPA-Astana) s.t.; 3. M.Soler (SPa-Movistar) +3”; 4. P.Konrad (AUT-Bora Hasngrohe) +38”; 5. T.Wellens (BEl-Lotto Soudal) s.t.; 6. S. Yates (GBR-Mitchelton Scott) s.t.; 7. D.Teuns (BEL-BMC) s.t.; 8. R.A.Carapaz (ECU-Movistar) s.t.; 9. G.Izagirre (SPA-Bahrain Merida) s.t.; 10. J.Izagirre (SPA-BAhrain Merida s.t.

CLASSIFICA GENERALE DEFINITIVA – 1. M.Soler in 30h22’41”; 2. S.Yates +4”; 3. G.Izagirre +14”; 4. J.Izagirre +16”; 5. T.Wellens s.t.; 6. D.Teuns +32”; 7. P.Konrad +44”; 8. A.Vuillermoz +1’54”; 9. D.De La Cruz +2’15”; 10. F.Grosschartner +2’35”.

  •   
  •  
  •  
  •